UFFICIALE: Gladestony al Catania

Gladestony a Torre del Grifo

Gladestony a Torre del Grifo  Fonte: CalcioCatania.com

Tesserato il centrocampista brasiliano aggregato "in prova" sin dai primi giorni di ritiro a Torre del Grifo.

Comunicato ufficiale Catania
"Il Calcio Catania comunica di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Paulino Da Silva Gladestony Estevào, nato a Bebedouro in Brasile il 5 agosto 1993 e cittadino portoghese. Il centrocampista, che vanta significative esperienze maturate in patria, in Olanda e in Portogallo con la maglia dell'Estoril, si è legato contrattualmente al nostro club fino al 30 giugno 2018".

Sedotto e abbandonato dallo United, in cerca di uno spazio che non ha mai avuto
Gladestony Estevão Paulino da Silva, detto Gladestony (ma identificato come Da Silva dalla società etnea durante le prime amichevoli pre-campionato), è un centrocampista brasiliano, tesserabile in Lega Pro grazie al passaporto italiano che possiede. Essendo nato nel 1993 rientra nella categoria “over” e va ad occupare una delle relative caselle (ne sono previste, al massimo, 16). Gladestony può giocare davanti alla difesa e anche da interno di centrocampo, ruolo in cui sembra volerlo inquadrare Pino Rigoli. Una delle sue caratteristiche principali è il recupero palla, fondamentale in cui stilisticamente ricorda un po’ Fabian Rinaudo. Rispetto all’argentino però Gladestony non disdegna anche la fase propositiva, nella quale ricorre spesso al suggerimento in profondità, non avendo il passo da incursore.
Cresciuto nelle giovanili del Santos, passa a quelle del Desportivo Brasil nel 2009. Si tratta di una società satellite del Manchester United che nel 2011 decide di portare il giocatore in Europa, insieme agli altri connazionali Aguilar, Lucas Evangelista, Agnaldo e Rafael Leao. Dopo un rapidissimo prestito all’Icasa (Serie B brasiliana), Gladestony si trasferisce in prestito al Twente, dove gioca con la formazione under 21. Nel 2012/13 torna in patria e vive una nuova esperienza in prestito, stavolta al San Paolo, dove non trova spazio. Seguono altre esperienze in prestito poco entusiasmanti: prima all’Estoril (massima serie portoghese) nel girone d’andata della stagione 2013/14; poi all’Internacional, per l’intero 2014; infine all’Audax, nei primi mesi del 2015. Nell’estate dello stesso anno Gladestony torna all’Estoril, ma ancora una volta l’esperienza in Portogallo si arresta dopo sei mesi con il prestito al Cartagena, squadra militante nella terza serie spagnola, nella quale il centrocampista riesce ad accumulare qualche presenza.