Novellino: 'La maglia del Catania bisogna saperla indossare. Si gioca per vincere'

Mister Novellino

Mister Novellino  Foto: Nino Russo

Le parole del tecnico etneo in vista della gara con la Viterbese

A meno di ventiquattro ore dalla gara con la Viterbese, in programma mercoledì 3 aprile alle ore 14.30 allo stadio “Angelo Massimino”, il tecnico del Catania, Walter Novellino, ha incontrato in giornalisti nella sala stampa del centro sportivo di Torre del Grifo. Queste le principali dichiarazioni del coach rossazzurro:

"Il morale è ok. È chiaro che quando si perde una partita così non si può essere contenti. L’atteggiamento non è stato quello giusto. Un allenatore ha il dovere di spiegare e di pretendere di più, perché noi possiamo farlo. Certi atteggiamenti non sono belli da vedere. Quando si perde si dovrebbe farlo diversamente. Questa sconfitta ci servirà per ripartire con un attenzione maggiore, così come chiede l’allenatore…”

“Io sono in difficoltà col mio pubblico, che è sempre il titolare in campo e non il dodicesimo... Insieme ai miei calciatori vorrei fare dimenticare al più presto la gara di Reggio”.

“Esclusi Biagianti e Curiale gli altri sono tutti a disposizione. Gli infortunati stanno migliorando l’aspetto fisico. Sono giocatori che verranno inseriti pian piano. Noi abbiamo una rosa importante e l’allenatore ha il dovere di vedere tutti e di scegliere anche giocatori che sono rimasti fuori che possono essere utili per raggiungere il traguardo. Brodic sta bene, potrebbe far parte della gara. Abbiamo tanta qualità”.

“Possiamo giocare con tutti i moduli possibili, ma è l’atteggiamento quello che conta. Bisogna essere propositivi, determinati, vogliosi ed avere la cazzimma giusta. I ragazzi stanno imparando la lezione, e soprattutto io. Spero che sia finita perché partite come quelle di Reggio non sono dignitose per noi”.

“Contro la Reggina, dopo i primi venti minuti buoni, nei quali abbiamo creato anche due occasioni, abbiamo commesso l’errore di aprire le linee facilitando il loro palleggio. Abbiamo la voglia di far dimenticare quella partita e di riprendere un cammino diverso. A Reggio è mancata l’applicazione al lavoro fatta in settimana, perché non ho visto nulla di quello che avevo chiesto. Ci siamo abbassati un po’ troppo”.

“Llama è un giocatore importante, nella linea a tre di centrocampo, è un ragazzo che sta recuperando dall’infortunio. Ha grande qualità, ci servirà”.

“La Viterbese? Ho molto rispetto degli avversari, di tutti, ma preferisco parlare della mia squadra. È una squadra che bisogna saperla affrontare ma con la giusta determinazione, anche perché quando incontrano il Catania nessuno viene a riposare”.

“Bisogna saper giocare queste ultime partite, ma con la giusta determinazione. Ancora possiamo dire la nostra, la squadra ha tutto, bisogna esser consapevoli della propria forza. Quando si indossa questa maglia, che ha dei bei colori, bisogna saperla indossare. Noi giochiamo sempre per vincere”.