Catania-Bisceglie 2-1: Vittoria di 'ripresa'

L'esultanza di Esposito dopo il gol partita

L'esultanza di Esposito dopo il gol partita  Foto: Nino Russo

I rossazzurri rimontano nella ripresa, con i gol di Di Piazza ed Esposito. Il racconto della partita

Tabellino
CATANIA-BISCEGLIE 2-1
Marcatori: Longo al 32', Di Piazza all'82', Esposito al 91'

CATANIA (4-2-3-1): Bardini; Calapai, Aya, Esposito, Marchese (dal 67' Valeau); Rizzo (dal 64' Bucolo), Lodi; Manneh (dal 76' Liguori), Sarno (dal 46' Di Piazza), Llama (dal 67' Pecorino), Brodic.
A disp.: Pisseri, Lovric, Valeau, Carriero, Bucolo, Biagianti, Di Piazza, Liguori, Pecorino, Mujkic.
All: Novellino.

BISCEGLIE (4-5-1): Cerofolini; Longo, Maccarrone, Markic, Mastrilli (Scalzone); Triarico, Risolo, Parlati (dal 71' Starita), Giacomarro (Bangu all'86'), Giron; Cuppone.
A disp.: Vassallo, Iacazzi, Bottalico, Calandra, Camporeale, Bangu, Cuomo, Dellino, Djoulou, Jovanovic, Scalzone, Starita.
All: Vanoli.

ARBITRO: Matteo Gariglio di Pinerolo.

ASSISTENTI: Riccardo Vitali di Brescia e Massimo Salvalaglio di Legnano.

AMMONITI: Giacomarro al 35', Rizzo al 36', Llama al 48', Esposito al 52', Markic al 56'; Liguori al 95'

ESPULSI:

RECUPERO: 0; 5.

INDISPONIBILI: Angiulli, Biagianti, Bonaccorsi, Baraye e Di Grazia; Maestrelli, Mosti e Zigrossi.

SQUALIFICATI: Silvestri, Curiale e Marotta.

DIFFIDATI: Bangu, Giacomarro, Giron, Maestrelli, Markic, Parlati, Starita.

PRIMO TEMPO
Prima del calcio d’inizio si osserva un minuto di raccoglimento in ricordo delle vittime del terremoto de l’Aquila di dieci anni fa.
I padroni di casa attaccano dal lato della Curva Nord verso quello della Sud, con la tradizionale divisa rossazzurra. Gli ospiti indossano un completo bianco con strisce trasversali nerazzurre.
Al 5’ lancio di Lodi dalla metà campo che innesca Marchese, il quale di testa in tuffo va vicino al gol, ma il direttore di gara aveva fermato il gioco per una posizione irregolare del terzino rossazzurro. All’ottavo si fa vedere Llama con un’incursione sulla fascia sinistra, da dove guadagna un calcio d’angolo che però non sortisce alcun effetto. Grande occassione al decimo per il Bisceglie: cross dal versante di sinistra dell’esterno Giron, che col mancino pesca Longo in area tutto solo, il quale però si fa sfilare la palla sotto le gambe. Al 14’ altra clamorosa occasione per i pugliesi: gran tiro di Giacomarro da fuori area, il pallone colpisce il palo interno alla sinistra di Bardini ma non supera la linea bianca. Etnei ancora una volta fortunati. Tre minuti dopo tiro debole di Llama dal limite dell’area, con la sfera che viene facilmente bloccata da Cerofolini. Al ventesimo è Parlati a provarci dalla distanza, tiro altro sopra la traversa. Ancora Bisceglie al tiro, sempre da fuori area, questa volta è Triarico a provarci, conclusione debole che finisce fuori alla destra del portiere del Catania. Non è una buona prestazione fin qui quella espressa dai padroni di casa, dopo 25 minuti di gioco. Il Bisceglie ci prova ancora, tiro dalla distanza di Giron, palla alta. I pugliesi sono più pericolosi degli avversari. Al 29’ Llama calcia col mancino da fuori area, Cerofolini si salva in angolo. Ci prova Sarno con un cross che però è alto per tutti.
Al 32’ Bisceglie meritatamente in vantaggio: questa volta il tiro dalla distanza viene premiato con un gol; a calciare da fuori area è il terzino destro Longo, che batte Bardini, il quale ha qualche responsabilità sulla rete degli ospiti.
Provano a reagire i rossazzurri: conclusione di Sarno da fuori, gran parata di Cerofolini che scalda i guanti. Occasione di testa per Aya al minuto 36, palla fuori alla destra dell’estremo difensore biscegliese.
Non ci sono altre occasioni in questo primo tempo che si conclude con i fischi del pubblico del "Massimino" per un Catania poco combattivo ma soprattuto poco produttivo. I primi 45 minuti si concludono con i pugliesi in vantaggio per 1-0 grazie alla rete segnata da Longo alla mezzora.

SECONDO TEMPO
Primo cambio per Novellino prima del fischio d’inizio del secondo tempo: Di Piazza rileva Vincenzo Sarno. Il nuovo entrato si rende subito pericoloso con un tiro rimpallato dall’ex Maccarrone; Llama, sul prosieguo dell’azione, calcia sul fondo. Gli etnei in queste prime battute spingono alla ricerca del pareggio. Tiro da dimenticare per Lodi al 3’.
Al minuto 48 giallo a Llama, terzo ammonito della gara dopo Giacomarro e Rizzo. Al 52’ anche Esposito finisce nel taccuino dei cattivi del signor Gariglio. Al 55’ gli ospiti si rivedono dalle parti di Bardini, tiro di Cuppone che finisce fuori alla sinistra del portiere dei padroni di casa. Ammonito Markic al 56’.
Tentativo di Brodic al 62’, il suo tiro finisce fuori. Secondo cambio tra le file del Catania: in campo adesso c’è Rosario Bucolo, che ha preso il posto di Giuseppe Rizzo. Conclusione da dimenticare per Llama al 66’.
Novellino manda negli spogliatoi Llama e Marchese, al loro posto i giovani Valeau e Pecorino, attaccante della Berretti, reduce dall’esperienza nel torneo di Viareggio con il Milan, dove ha segnato anche una rete.
Ci prova Di Piazza al 69’, blocca Cerofolini.
Due minuti dopo Aya manda la palla fuori con un colpo di testa. I rossazzurri stanno provando a rimettere la gara in parità. Calapai mette al centro, Di Piazza non ci arriva (minuto 73). Intanto Vanoli ha mandato in campo Starita per Parlati: Starita, con 4 reti, è il miglior realizzatore della formazione nerazzurro stellata.
Quinto e ultimo cambio per Novellino: Liguori rileva Manneh al 76’.
PAREGGIO DEL CATANIA! All’82’ Brodic, sulla sinistra all’interno dell’area di rigore, serve Di Piazza al centro dell’area, il quale batte Cerofolini. Adesso il punteggio è di 1-1.
GOOOOL! IL CATANIA È IN VANTAGGIO. Gol di Esposito, che raccoglie un assist di Valeau e batte il portiere ospite con un tiro sotto porta. Catania 2, Bisceglie 1.
Dopo 5 minuti di recupero finisce la gara. Il Catania rimonta il Bisceglie nella ripresa e fa suoi i tre punti, superando il Catanzaro e accorciando sul Trapani, entrambi sconfitti, rispettivamente da Virtus Francavilla e Juve Stabia.