Otto marzo: Auguri Grazia, Donna rossazzurra

L'omaggio floreale della redazione di CC.Com a Grazia Codiglione, Presidentissima rossazzurra

L'omaggio floreale della redazione di CC.Com a Grazia Codiglione, Presidentissima rossazzurra  Foto: CalcioCatania.com

Nel giorno della ricorrenza della Giornata internazionale della donna CC.Com omaggia Grazia Codiglione Massimino

UN PALLONE SU UN PRATO DI MIMOSE
L’otto marzo è la Giornata internazionale della donna, una data simbolo delle svariate conquiste duramente raggiunte dal gentil sesso nel corso dei secoli, in tutti i campi: dal sociale al politico, dall’economico allo sportivo. Una Donna, l’otto marzo di ventuno anni fa, per l’amaro volere di un fato assai crudele, si ritrovò presidentessa di una squadra di calcio. Una ‘conquista’, di certo non cercata, che la catapultò in un mondo fatto da soli uomini, al quale il suo compagno di una vita, scomparso appena quattro giorni prima, aveva dedicato anima e corpo.

Qualche settimana orsono una piccola rappresentanza della redazione di CalcioCatania.Com è andata a trovarla per dirle semplicemente grazie, Grazia. Grazie per non aver gettato la spugna, per non aver mollato, per aver proseguito e portato a compimento la lotta iniziata dal Cavaliere. Una lotta estenuante, divenuta una sorta di missione, avviata tra dubbi e incertezze nel marzo 1996 e conclusa nell’estate del 2000 con il passaggio di consegne ai Gaucci. Anni difficili, bui e tempestosi, illuminati dall’agognato ritorno in quella Serie C1 strappata brutalmente dall’iracondo volere del ‘Palazzo’ nel fuoco del luglio 1993.

Semplicemente, grazie... 



Grazie, Grazia. Perché se lo scorso 24 settembre il Calcio Catania 1946 ha compiuto settant’anni è anche merito tuo. E non ti chiedere perché ancora oggi, a distanza di tanti anni, la gente di Catania che ti incontra per la strada ti onora e ti rispetta. C’è un pallone che danza su un prato di mimose. Tanti auguri Presidentissima Grazia Codiglione in Massimino, unica Donna in sella all’Elefante e simbolo di tutte quelle che amano il rossazzurro.