Catania: tre traverse in 90 minuti come col Catanzaro nel '99

La traversa colpita da Furlanetto in occasione di Catania-Catanzaro del 1999

La traversa colpita da Furlanetto in occasione di Catania-Catanzaro del 1999  Foto: CalcioCatania.com

Le tre traverse colpite dagli etnei nella gara di ieri contro la Vibonese hanno riaperto un vecchio cassettino della memoria...

CINQUE TRAVERSE IN 90 MINUTI
Catania-Vibonese non è stata una partita entusiasmante ed indimenticabile, ma sicuramente verrà ricordata negli anni a venire per il numero di legni colpiti da entrambe le formazioni: tre dagli etnei, due dai calabresi. Cinque legni in 90 minuti di gioco, quattro dei quali colpiti nel soffio di un respiro: l’auto-traversa di Bastrini e la ribattuta di Paparusso al 30’ del primo tempo per i calabresi, Di Cecco e la girata volante di Mazzarani al primo minuto della ripresa per gli etnei; manita completata da Russotto, al minuto 58, al termine di un’azione solitaria partita dalla metà campo rossazzurra. Se non è un record, poco ci manca.

Nel corso di questa stagione, gli etnei, giunti a quota tredici nel numero dei legni colpiti, si erano ‘fermati’ a due traverse nella stessa partita. Lo scorso 28 settembre, in occasione del recupero contro il Fondi, era toccato a Michele Paolucci ed ad Alessandro Bastrini timbrare la traversa della porta laziale. Contro la Vibonese, i rossazzurri, hanno fatto decisamente ‘meglio’...

La traversa colpita da Mazzarani contro la Vibonese 



PASSIATORE-FURLANETTO-BRUTTO
Le tre traverse colpite ieri pomeriggio dal Catania, oltre a far imprecare l’intero stadio, hanno riaperto prepotentemente un cassettino della memoria chiuso da quasi vent’anni. il 17 gennaio 1999, nell’allora “Cibali”, match d’alta classifica tra i rossazzurri di mister Pierino Cucchi e il Catanzaro capolista del Girone C di Serie C2. Davanti a diciottomila sostenitori di casa, ed ad una folta comitiva ospite collocata nel cuore della Tribuna B, finisce 0-0 al termine di una partita dominata dall’Elefante e contraddistinta dalla sfortuna. Nel primo tempo, il numero uno dei calabresi, Daniele Cerretti, è graziato per ben due volte dalla traversa della porta sita sotto la Curva Sud, sulla quale sbattono le conclusioni di Ciccio Passiatore prima e del difensore Alessandro Furlanetto (vedi nella foto) poi. Il tris legnoso, nella ripresa, è completato da un destro terrificante di Umberto Brutto - catanzarese in maglia rossazzurra - che s’infrange sulla parte alta della traversa giallorossa. Dopo diciassette anni altre tre traverse in 90’ e ancora una volta contro una calabrese, ma a differenza di allora stavolta è arrivata la vittoria...