Catania-Potenza, presentazione: Terza Battaglia

Un'immagine dell'ingresso in campo al

Un'immagine dell'ingresso in campo al "Viviani", prima del fischio d'inizio della gara d'andata. In alto i sostenitori rossazzurri presenti a Potenza  Foto: Nino Russo

L’Elefante ha a disposizione due risultati su tre per passare il turno

MATCH DI RITORNO
La gara di ritorno tra Catania e Potenza, valida per il primo turno della fase nazionale dei play off del campionato di Serie C 2018/19, si giocherà mercoledì 22 maggio allo stadio "Angelo Massimino" con calcio d’inizio alle 20.30. L’arbitro sarà il signor Giacomo Camplone di Pescara che sarà coadiuvato dagli assistenti Ruggieri e Saccenti. Quarto ufficiale Feliciani di Teramo.

CATANIA: AL "MASSIMINO" 14 VITTORIE SU 18 IN CAMPIONATO
I rossazzurri sono reduci dal pari-beffa con il Potenza nella gara di andata giocata domenica scorsa al "Viviani". Il gol dei padroni di casa è giunto al primo minuto di recupero della ripresa, con l’attaccante avversario lasciato libero, su azione da calcio d’angolo, di battere tranquillamente a rete segnando il gol del pareggio che col passare del tempo stava diventando sempre più insperato per i lucani. Gli etnei hanno trovato la rete del vantaggio dopo 8 minuti dall’inizio dell’incontro con un colpo di testa di Matteo Di Piazza ben servito da Sarno. Per il numero 32 dell’Elefante è stato il sesto gol con la maglia del Catania, il secondo nei play off. La squadra di Sottil, dopo il vantaggio, ha perlopiù controllato gli attacchi dei padroni di casa (determinante Pisseri in un paio di occasioni), con un lavoro di sacrificio anche da parte degli attaccanti, spesso chiamati a occupare la propria metà campo o ad allontanare palloni dall’interno della propria area di rigore. Dopo il gol beccato è capitata sulla testa di Curiale una ghiottissima occasione per riportarsi avanti, ma l’ex Ioime ha detto no al numero 11 avversario.
Nella regular season i rossazzurri sono arrivati secondi nella classifica delle gare casalinghe, con 44 punti conquistati, 5 in meno del Trapani e 3 in più di Juve Stabia e Catanzaro. Al "Massimino" sono state 14 le vittorie ottenute, 2 i pareggi, altrettante le sconfitte subite.

POTENZA: 12°GOL PER FRANÇA
I leoni hanno bisogno di una vittoria per raggiungere il sogno di eliminare il Catania e andare avanti nei play off. Al termine della partita del "Viviani", dalle bocche dei protagonisti rossoblù sono uscite parole di rammarico per la vittoria interna mancata ma anche di soddisfazione per il gioco espresso e le occasioni create, e di speranza per il match di ritorno. Il gol del bomber França, che ha rinvigorito i lucani in vista dell’impegno di mercoledì, è il numero 12 in stagione per il 39enne attaccante brasiliano, il primo negli spareggi promozione dove peraltro ha esordito contro il Catania dopo le due panchine consecutive negli altrettanti turni precedenti giocati contro Rende e Virtus Francavilla.
In campionato la compagine del tecnico Raffaele in trasferta ha portato a casa 22 punti, uno in più degli uomini di Sottil: frutto di 5 vittorie (con Rende, Siracusa, Rieti, Paganese e a tavolino con il Matera), 7 pareggi (contro Bisceglie, Cavese, Monopoli, Reggina, Catania, Virtus Francavilla e Casertana) e 6 k.o. (subiti da Viterbese, Vibonese, Catanzaro, Juve Stabia, Sicula Leonzio e Trapani).

LE PILLOLE DEL PRE-PARTITA
Il 3 marzo scorso, allo stadio "Massimino", si giocava la gara della 29ª giornata (10ª di ritorno) del Girone C della Serie C tra Catania e Potenza. Era il giorno dell’esordio di Walter Novellino sulla panchina rossazzurra. Come domenica scorsa anche quella gara finì con il punteggio di 1-1: vantaggio ospite con Giosa al minuto 36 e pareggio di Matteo Di Piazza al 75’.
Per passare al secondo turno della fase nazionale play off l’Elefante ha a disposizione sia la vittoria che il pareggio (con qualsiasi punteggio), in virtù del regolamento che in caso di parità premia la squadra meglio classificata nel campionato, mentre una sconfitta farebbe accedere al turno successivo la squadra del presidente Salvatore Caiata, che può puntare solo al successo per andare avanti negli spareggi promozione.