Casertana-Catania 0-0: le pagelle rossazzurre

Pozzebon si fa anticipare nell'unica occasione avuta...

Pozzebon si fa anticipare nell'unica occasione avuta...  Fonte: CalcioCatania.com

Le valutazioni riportate dagli etnei al termine della gara di Caserta che ha sancito la qualificazione nei play-off

PISSERI voto 6,5: Primo tempo da spettatore per il numero 12 rossazzurro, con la Casertana che non tira mai verso la porta catanese. Nella ripresa compie due parate determinanti, su Carriero e Ciotola, che salvano il risultato.

DE ROSSI voto 7: Preferito al convalescente Baldanzeddu il giovane terzino romano sfodera una prestazione ordinata e pulita: limita le (poche) sortite campane sulla sua porzione di campo e si propone di tanto in tanto (nel primo tempo) anche in fase offensiva. Una bella ‘scoperta’ in vista della gara di Castellammare.

GIL voto 6,5: Pur non essendo in condizioni fisiche perfette il difensore brasiliano stringe i denti dando un apporto importante. Attento e puntuale negli anticipi dà una mano anche al ‘vicino’ De Rossi quando serve.

MARCHESE voto 6: Partita tranquilla per il ragazzo di Delia. Primo tempo condotto senza tanti problemi. Nella ripresa mette una pezza in paio di circostanze. Evitabile il giallo rimediato per un fallo a metà campo.

DJORDJEVIC voto 6: Piazzato sulla corsia mancina, l’esterno serbo svolge con diligenza i compiti assegnati da mister Giovanni Pulvirenti senza farsi mai vedere in avanti. Nel secondo tempo si fa saltare in velocità da Carriero, ma fortunatamente Marchese ci mette la testa allontanando il pericolo.

BUCOLO voto: 7 Ancora una volta è lui l’unico incontrista nel centrocampo rossazzurro. Buona la prestazione sciorinata dal roccioso mediano catanese, bravo sia nella fase di recupero del pallone che in quella di costruzione. Splendida l’apertura al diciannovesimo del primo tempo con la quale manda in porta Mazzarani. Fa botte in mediana e rimane in campo fino alla fine nonostante un problema all’inguine.

SCOPPA voto: 5,5 Partita senza infamia e senza lode. Benino nel primo tempo, con qualche apertura per i compagni; non pervenuto nella ripresa, quando si perde tra le maglie del centrocampo campano. Si vede poco o niente e non è una novità.

MANENH voto: 6 Partita di sacrificio per il giovane esterno del Gambia. Nella prima frazione di gioco sbaglia qualche pallone di troppo in sede di impostazione, faticando a trovare la collocazione in campo. Meglio nei secondi quarantacinque minuti. L’unico affondo in avanti induce Carriero al fallo e l’arbitro Giua all’ammonizione. Elemento utile per la prossima stagione.
dall’83BARISIC: s.v. Troppo pochi minuti in campo per abbozzare un giudizio.

MAZZARANI voto: 5,5Dopo 19 minuti ha sui piedi il pallone del vantaggio, ma il suo destro al volo è da dimenticare. Rispetto alla gara di sette giorni fa contro il Siracusa è meno pimpante. Giochicchia in mediana prediligendo i compiti di contenimento a quelli di proposizione.

DI GRAZIA voto: 5,5 Partita più da mediano che da esterno d’attacco. Il ragazzo di San Giovanni Galermo si mette a servizio della squadra dando una mano a centrocampo. Mai una sortita in avanti. Lascia il campo forzatamente in avvio di ripresa.

dal 52’RUSSOTTO voto: 5,5 In campo per oltre mezzora, per via dell’infortunio occorso a Di Grazia, il numero 10 rossazzurro non è al meglio delle condizioni fisiche e si vede. Raramente in avanti ‘fa numero’ a centrocampo a difesa dello zero a zero. Per poco, al minuto 78, rischia di combinare la frittata (alias il calcio di rigore per la Casertana) quando interviene al limite della regolarità su Carriero.

POZZEBON voto: 5 Isolato nel nulla dell’attacco rossazzurro il ‘povero’ Demiro non tocca mai un pallone giocabile. Nell’unica palla buona, al minuto ventinove del primo tempo, è anticipato da Rainone a due passi da Ginestra.

dal 67’BALDANZEDDU voto: 5,5 Una trentina di minuti in campo (recupero compreso) senza nessuna azione degna di nota. Lanciato da mister Pulvirenti per infoltire la difesa, Baldanzeddu fa quel che può confermando di essere ancora abbondantemente in ritardo di condizione.

GIOVANNI PULVIRENTI voto 5,5: Pronti via conferma la formazione vista contro il Siracusa (ma non con lo stesso atteggiamento!) preferendo De Rossi a Baldanzeddu: scelta saggia ripagata dalla buona prestazione del terzino romano. Primo tempo discreto, secondo tempo a dir poco rinunciatario (il cambio Pozzebon-Baldanzeddu ne è l’emblema) con un Catania rintanato nella propria metà campo a difesa del pareggio e in attesa...di buone notizie (poi arrivate) da Lecce e Fondi. Alla fine i risultati danno ragione all’ex tecnico della Berretti che ‘traghetta’ la compagine etnea ai play-off. Appare evidente, però, che se si vuole andare avanti nella lotteria degli spareggi bisognerà affrontare la trasferta di Castellammare di Stabia con ben altro piglio, perché oggi, numeri alla mano, il portiere della Casertana non ha fatto neanche una parata.

CASERTANA voto 6: Nonostante una settimana a dir poco complicata, con tanto di cambio tecnico in panchina, i falchetti giocano una partita tranquilla impostata sul mantenimento dello 0-0 iniziale. Primo tempo senza squilli, ripresa leggermente più interessante con Carriero e Ciotola vicini al gol in due occasioni. Serviva un punticino per la matematica certezza dei play-off ed è arrivato…senza sudare troppo. Domenica sfida da dentro o fuori a Siracusa.

ARBITRO GIUA DI OLBIA voto 6: Partita facile facile per il fischietto sardo, ampiamente agevolato dall’atteggiamento delle due formazioni in campo. Giusti i cartellini gialli sventolati a Carriero e Marchese nel giro di un minuto. Giudica non falloso l’intervento di Russotto su Carriero in area di rigore etnea.