Avellino-Catania, ex: da Casale a Mascara, da Millesi a Rossetti

Mattia Rossetti, avellinese in rossazzurro

Mattia Rossetti, avellinese in rossazzurro  Foto: CalcioCatania.com

Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata ai doppi ex passati e presenti

Un irpino in rossazzurro
Non è un ex a tutti gli effetti ma poco ci manca. Avellino-Catania, in programma domenica 25 Agosto alle ore 15.00 allo stadio “Partenio-Lombardi”, sarà una gara assai particolare per Mattia Rossetti, originario di Mirabella Eclano - comune di poco più settemila abitanti a meno di 40 chilometri da Avellino -, ritornato in rossazzurro (stavolta per restarci tutta la stagione) dopo le parentesi tutt’altro che soddisfacenti alla Lupa Castelli Romani, Akragas, Vibonese e Sicula Leonzio. Chi invece ha indossato la casacca dei biancoverdi è Emanuele Catania. Per l'attaccante catanese, classe 1981, ventuno presenze e due reti nel campionato di Prima Divisione 2012-13.

Un catanese in biancoverde
Fra i doppi ex del passato di Avellino e Catania merita un capitolo a parte il centrocampista Francesco Millesi. Nato a Catania, il 24 luglio 1980, Millesi giunge in Irpinia nell’estate del 2003, con alle spalle le esperienze siciliane con le maglie di Atletico Catania, Ragusa ed Igea Virtus. Nelle tre stagioni con la maglia biancoverde ottiene due retrocessioni (dalla B alla C1) intervallate dalla promozione in cadetteria conseguita nella stagione 2004/05, quella di mezzo. Ottantotto presenze e 16 reti prima dell’atteso passaggio al Catania nell’estate 2006, quella della promozione. Con la maglia rossazzurra Millesi trova poco spazio, collezionando in due stagioni una decina di presenze e un assist vincente per Spinesi nel 2-2 di Ascoli. Nel 2010 il ritorno ad Avellino per altre 4 stagioni: 90 presenze e 12 reti, con fascia di capitano al braccio e vertiginosa scalata dalla Seconda Divisione della Lega Pro alla Serie B.

Beppe Mascara, stagione strepitosa in Irpinia... 



La banda Ammazzalorso
Stagione 2000/01, campionato di Serie C1. Annata caratterizzata da ben quattro sfide tra i biancoverdi e i rossazzurri, due in campionato e due nei play-off promozione. Confronti aspri, tiratissimi – soprattutto quelli relativi agli spareggi – che videro il Catania vittorioso in una sola circostanza, proprio in quella che contava di più: 2-0 nella semifinale di ritorno e qualificazione alla doppia finale col Messina. Nonostante la sconfitta quell’Avellino, allenato da Aldo Luigi Ammazzalorso, incantò così tanto i Gaucci – allora proprietari della società etnea – da importare in rossazzurro parte di quella formazione. Oltre al tecnico argentino – la cui esperienza si rilevò negativa (esonerato alla sedicesima giornata dopo la sconfitta col Castel di Sangro) – sbarcarono in Sicilia anche il portiere Gianni Marco Sansonetti, il roccioso difensore Massimo De Martis e l’ala Michele Fini. Un blocco considerevole che poteva esser ancora più consistente. Già, perché Giuseppe Mascara - l’attaccante principe di quell’Avellino con 17 reti in campionato (due delle quali segnate proprio al Catania) – nell’estate del 2001 passò prima alla Salernitana – giusto il tempo di segnare un altro gol ai rossazzurri nella gara di Coppa Italia – e poi al Palermo. Per il folletto calatino l’approdo al Catania sarà soltanto rimandato a qualche stagione più avanti (estate 2003). In quell’Avellino 2000/01, però, c’erano anche altri futuri rossazzurri: il portiere Ciro Polito, il francesino Nassim Mendil, l’attaccante Roberto De Zerbi e il brontese Gaetano Calà Campana, che il rossazzurro l’aveva già indossato dal1995 al 1999 collezionando 29 presenze e una promozione in C1. Sempre in quella stagione, nell’organico del Catania erano presenti due ex biancoverdi: il portiere Gennaro Iezzo e il fantasista Totò Criniti, in biancoverde rispettivamente nel 1991/92 e nel 1995/96 e per sei mesi nel 1998.

Pietro Terracciano, fresco doppio ex attuale 



MI RITORNI IN MENT…EX
Classica carrellata finale con gli altri doppi ex del passato. Quintetto fra i legni con Marco Onorati, Armando Pantanelli, Mario Paradisi, Luca Anania e Pietro Terracciano . In difesa ecco Salvatore Vullo, Antonio Ceccarini (protagonista di un andirivieni: dal Catania all'Avellino, dai biancoverdi ai rossazzurri nel giro di tre stagioni) Massimo Drago, Nicola Diliso, Michelangelo Minieri, Marcello Gazzola, Gennaro Sardo, Nicola Mariniello. In mediana largo a Pasquale Casale, Maurizio Giovannelli, Maurizio Anastasi, Marco Capparella, Riccardo Nardini, il brasiliano Babù, Federico Moretti, Domenico Di Cecco e Alessio Rizzo. Reparto avanzato composto da Marco Piga (arrivato in rossazzurro nell’estate del 1979 proprio dall’Avellino), Luca Amoruso, Lorenzo Battaglia, Nicola D’Ottavio, Gabriele Scandurra, Andrea Carnevale, Orazio Sorbello e Demiro Pozzebon. In panchina troviamo Bruno Pace, Ciccio Graziani (in Irpinia nel 1991-92 ) Walter Alfredo Novellino, Stefano Colantuono (al Catania nel 2003-04 e in precedenza, dal 1986 al 1988, in quel di Avellino come calciatore), Attilio Tesser (al Catania come difensore) e Dario Marcolin.