"Chi fa 'u Catania?"..."a bulletta" di Brigantony

Il maestro Brigantony bardato di rossazzurro

Il maestro Brigantony bardato di rossazzurro  Foto: CalcioCatania.com

Ogni settimana un nuovo personaggio ci dirà "a bulletta" sul Catania...buona fortuna! All'interno l'audio dell'intervista

Per tutta una lunga settimana, aspettando il calcio d’inizio della prossima partita, l’intera città con stemma ’u liotru si domanda: «Ca viremu chi fa ‘u Catania.» In quest’istante migliaia di cittadini etnei stanno ancora interpellandosi: seduti nell’autobus, in fila alla posta, sdraiati alla plaja o a passeggio alla Villa. Nondimeno, inquieta come il mare in tempesta, adesso un’ondata di catanesi se lo chiede persino in ospedale, in banca, nei bar e financo in visita al cimitero. Dal lunedì alla domenica, dalle nostre parti, la domanda di rito è una sola: «Chi fa ‘u Catania?»

«Messina-Catania finirà 1-2 per noi - aveva assicurato David Simone Vinci…». Detto. Fatto! Finalmente, al decimo tentativo, Alessandro Russo e Vincenzo La Corte ’nzirtanu ‘na bulletta, meritandosi una settimana di riposo. Adesso, però, tocca a me, rampante pollastro, intervistare il cantore del Gallismo nostrano, l’erede di Micio Tempio e in un certo senso anche di Vitaliano Brancati, nientepopodimenoché il Maestro Brigantony. Una vera e propria istituzione, per noi ragazzi della V A Meccanica 2003-04 - che cantavamo le sue canzoni nei corridoi dell’ “I.T.I.S. Archimede” di Piazza Santa Maria di Gesù -, e per tutti i siciliani sparsi nel mondo.

Proprio così, in tutto il mondo: « Sai quanti siciliani ci su’ no munnu? – attacca il Maestro con il suo inconfondibile slang – Ci su’ du Sicili, ca su tunnassuru tutti pari ccà fussumu comu i muschitti... Sono stato settantasei volte in America, trentaquattro volte in Australia, ma anche in Germania, Belgio e Svizzera semu di casa. Ogni volta trovo un’accoglienza calorosissima. È bello andare fuori e incontrare i siciliani all’estero, quelli con la nostalgia della Sicilia, e vedere che arrirunu e chinaciunu che me canzuni. Anche se sono ospite dell’Hotel… mi finisci sempri a manciari na casa de chistiani… Il mio sogno è quello di portare il teatro siciliano nel mondo. Ci credo e voglio avverarlo».

Tournée in ogni parte del globo, con spettacoli anche nel leggendario Madison Square Garden di New York e nelle navi da crociera a stelle e strisce: «Supra trimmilaecincucentu chistiani, millieducentu erunu siciliani ca prenotanu pì viriri ammia. Ni vireumu a pranzo, a cena, ‘na piscina, ni vireumu tutta a jurnata e a sira facevu u spettaculu. Quella crociera è stata un’esperienza bellissima. Quando arrivò il momento di esibirmi al 'Madison Square Garden', colpito dall’immensità che mi circondava, mi passai u capricciu di cuntari i passi pi viriri quantu era ranni. Quannu arrivai o centru, n’ava cuntatu cinquantacincu, e na me testa pinsai na cosa. Appena mi resunu u microfono ne manu, taliai u pubblicu e ci rissi. ‘Cettu ca n’America ci l’aviti belli ranni, i pacchi!’ Quanti risati si ficiru!».

Alfio Lombardo, Alessandro Russo e Salvo Emanuele in compagnia del Maestro Brigantony 



Tanti i brani composti nel corso di una carriera quarantennale, anche sul calcio e, in particolar modo, sul Catania. Già, u Liotru rossazzurro, seguito fin da bambino, anche nelle vesti di raccattapalle: «Quannu era nicu – prosegue Brigantony – i miei zii vendevano le bevande allo stadio ed io andavo con loro. ’Na vota c’era u Catania in vantaggio e n’gnucaturi ra squadra avvessaria m’ammuttau pi pigghiari u palluni. I tifusi ci rissunu ‘Cunnutu ta pigghi co picciriddu?’ Iu m’abbiai nderra…truccu, pi peddiri tempu. Cosi di carusi… Quando sono libero lo seguo molto volentieri, vado anche allo stadio. Certo, non è il Catania degli anni d’oro, quannu a ruminca, all’una, u stadiu era chinu chinu Quest’anno non ci sono mai andato, anche perché ogni volta che ha giocato il Catania sono stato sempre impegnato. Però, chiedo sempre del risultato». Lei, la Serie A, l’ha vista un sacco di volte: «Vineva l’Inter e piddeva, u Milan e piddeva, a Juventus e piddeva, quannu vinevunu ccà tutti ci lassavanu a peddi. Iucavanu comu i savvaggi appiddaveru, ci mettevano l’anima, non comu a chiddu pulitu ca si scanta a trasiri. Resteranno quelli i tempi belli del calcio catanese ».

Nel brano ‘Catà, Catà, Catacchiananu’, composto nel 2006 per festeggiare la promozione in Serie A del Catania di Pasquale Marino, c’è un verso abbastanza significativo che fa ‘a sotti e catanisi ci vutau’. Dopo gli anni d’oro in massima serie, con anche un ottavo posto, nelle ultime quattro stagioni il Catania non si sta virennu cchiù lustru. Maestro, ma quannu ha vutari nautra vota ‘a sotti pe’ catanisi?: «‘A sotti l’anaffari vutari iddi stissi, nuatri ci putemu allinchiri u stadiu, ma su a palla non trasi putemu ittari sulu uci. U palluni curri su currunu i soddi».

Insisto. Secondo lei, qual è la ricetta giusta?: « A vedere il Catania non ci sono solo i catanesi, viene gente da tutta la Sicilia. È il pubblico che crea lo spettacolo – sottolinea il Maestro – e per ritornare su bisogna ricreare l’armonia in tutte le componenti, puntando anche nei nostri ragazzi. È comu su mi fazzu na serata e c’è l’orchestra ca non sapi sunari: mi fanu fari malacumpassa macari ammia! Il calcio di oggi è un commercio, pigghi i iucaturi cu du soddi e li rivendi alle grandi squadre. Serve la gente giusta ».

Nella sua lunghissima carriera, avviata nel 1976 con l’uscita del primo album “A bella vita”, ha indossato anche i panni del mago, indovinando presente, passato, futuro, amore, tesoro, u pessicu, u pumu, i soddi, i ricchizzi, i palazzima ruminica co’ Mefffi chi ffa u Catania?

«Ci bbia du o tri ova e i rizzittamu tutti pari! »






_____________________
La briga di trascriver di volta in volta le risposte più “sfruculianti” (citazione Max Licari) se l’è presa la redazione di calciocatania.com. Dopo un’interminabile successione di conciliaboli segreti, l’incarico è andato a due appassionati storici di pallone rossazzurro. L’uno bazzica da anni il mondo finanziario, per passione segue i tornei giovanili del Catania e si chiama Vincenzo La Corte. L’altro è Alessandro Russo, un medico ortopedico catanese che scrive e insegna scrittura creativa; il suo ultimo libro, pubblicato di recente per Algra Ed., s’intitola “IL RUSSO-AZZURRO“.