UFFICIALE: la Salernitana riscatta Odjer

Odjer durante la sua ultima presenza in maglia rossazzurra.

Odjer durante la sua ultima presenza in maglia rossazzurra.  Fonte: CalcioCatania.com

La Salernitana esercita il diritto di riscatto acquistando a titolo definitivo il ghanese. Il Catania rinuncia al controriscatto.

Comunicati ufficiali
”Il Calcio Catania S.p.A. comunica che in data odierna la società U.S. Salernitana ha provveduto ad esercitare il diritto di opzione, previsto dalle vigenti norme federali, per l’acquisizione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Moses Odjer.”

L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver esercitato in data odierna il diritto di opzione per l’acquisizione a titolo definitivo delle prestazione del centrocampista classe ’96 Moses Odjer.

Un altro talento sacrificato sull’altare delle esigenze di cassa
Moses Odjer, stellina delle nazionali giovanili ghanesi, inizia il suo percorso a Catania nell'estate 2014, allenandosi con i ragazzi della Primavera, e facendosi trovare pronto per svolgere la preparazione con la prima squadra. Appena dopo aver compiuto 18 anni, Moses firma un quinquennale che lo lega al Catania. Inserito ufficialmente nella rosa dei ragazzi a disposizione di mister Pulvirenti, continua la sua preparazione in prima squadra agli ordini di Sannino. Non a caso con la Primavera disputerà soltanto 3 partite in tutta la stagione. Viene convocato per la prima volta in occasione del derby d'andata col Trapani, per poi esordire ufficialmente a Terni il 29 novembre 2014. Data la giovane età e la mancanza di esperienza, nelle prime partite disputate desta una buona impressione, nel confronto coi colleghi più anziani che arrancano, e si ritaglia un posto da titolare a ridosso di Natale, anche grazie alle molte indisponibilità che si registrano a Torre del Grifo. Col mercato di riparazione e l'approdo di Marcolin, Odjer torna in panchina. Nel suo ruolo vengono schierati i più esperti Rinaudo e Coppola (che però non sempre brillano), ma quando si libera un posto per infortuni e squalifiche Marcolin gli preferisce a sorpresa il deludente Escalante. Odjer riesce comunque a scendere in campo in altre 6 occasioni (chiudendo la stagione a quota 11 presenze) e beccandosi un cartellino rosso a Varese che non compromette il successo degli etnei.
Nell'estate 2015 il ghanese sembra diventare un potenziale perno del Catania 2015/16: costretto a ripartire dalla Lega Pro, anche per ragioni regolamentari il club etneo deve necessariamente puntare su alcuni giovani, e tra tutti Odjer sembra il talento più cristallino del settore giovanile, tant'è che nei due match di Coppa Italia Pancaro gli affida le chiavi del centrocampo. Tuttavia, a seguito dell'approdo alle falde dell'Etna di una serie di centrocampisti di categoria (Lulli, Castiglia, Russo, Agazzi), nel giorno della chiusura del mercato il Catania inserisce proprio Odjer nella maxi operazione conclusa con la Salernitana (in cui rientrano gli acquisti di Calil e Russotto ed il prestito di Liverani).
Il giocatore, così, resta in Serie B e dopo essere stato ignorato per i primi due mesi da Torrente conquista all’11a giornata, nella sfida casalinga contro il Perugia, una maglia da titolare che non perderà più per tutto il resto della stagione, eccezion fatta per gli stop imposti da infortuni e squalifiche. A fine campionato Moses totalizza 29 presenze (tra campionato, playout e Coppa Italia) con i campani, togliendosi pure un paio di soddisfazioni: la salvezza e il primo gol in partite ufficiali in Italia, siglato lo scorso 9 aprile allo Stadio “Arechi” contro il Latina. Scontata, dunque, la riconferma da parte dei granata che esercitano il diritto di riscatto (800 mila euro) stabilito un anno fa. Il Catania potrebbe a sua volta esercitare il controriscatto previsto dal contratto ma la situazione economica non idilliaca e la necessità di fare cassa per costruire la squadra per la prossima stagione impongono una rinuncia definitiva al centrocampista ghanese.