UFFICIALE: Calderini e Bombagi al Fondi

Calderini e Bombagi durante Martina Franca-Catania

Calderini e Bombagi durante Martina Franca-Catania  Fonte: CalcioCatania.com

Due "over" del reparto offensivo ceduti a titolo definitivo al club ripescato in Lega Pro.

Comunicato ufficiale
"Il Calcio Catania comunica di aver ceduto i diritti alle prestazioni sportive dei calciatori Francesco Bombagi ed Elio Calderini, a titolo definitivo, all’Unicusano Fondi Calcio."

Calderini: dopo un avvio super, il buio
Primo giocatore acquistato dal Catania dopo il terremoto del 23 giugno 2015, l’esterno offensivo Elio Calderini esordisce con la squadra etnea il 10 agosto in occasione dell’incontro di Tim Cup con la Spal, per poi scendere in campo anche nel successivo turno contro il Cesena. Dopo la costruzione definitiva dell’organico, avvenuta tra fine agosto e la prima metà di settembre, l’ex Cosenza parte titolare nel 4-3-3 utilizzato da Pippo Pancaro. Già durante la seconda partita disputata dai rossazzurri (la sfida casalinga con l’Ischia) riesce a timbrare il primo gol stagionale, giocando nel ruolo di falso nueve. Nell’arco di un mese si ripete con Catanzaro prima e Martina Franca poi. Dalla partita coi pugliesi in avanti comincerà l’appannamento generale del Catania, appannamento che vedrà proprio Calderini tra i principali protagonisti. Dall’attaccante umbro non arriveranno più gol ma tante occasioni fallite (su tutte, quelle contro Messina e Foggia nel girone d’andata) e prestazioni sottotono, che gli costeranno il posto da titolare, “artigliato” dal pari ruolo Falcone. Calderini si riscatterà parzialmente nelle ultimissime partite di campionato, sotto la gestione Moriero, in particolar modo nel match conclusivo contro la Fidelis Andria in cui servirà a Russotto l’assist per il gol salvezza.
Rimasto ai margini del progetto all’inizio della stagione 2016/17, non è stato convocato per il ritiro di Torre del Grifo ed è stato piazzato sul mercato dalla società diretta da Pietro Lo Monaco. Dopo gli “abboccamenti” con Lecce, Padova e Catanzaro, alla fine l’ha spuntata il Fondi, squadra di proprietà dell’UniCusano che l’anno scorso ha vinto la Coppa Italia di Serie D e i playoff del girone, e che ha visto accolta la domanda di ripescaggio in Lega Pro per la prossima stagione. Calderini saluta Catania dopo 34 presenze (31 in campionato, 2 in Coppa Italia ed una in Coppa Italia di Lega Pro) e 3 reti.

Bombagi: pupillo di Pancaro che non è riuscito a ritagliarsi lo spazio che cercava
Il nome di Francesco Bombagi incrocia la strada del Catania l’1 novembre 2015 al “Menti” di Castellammare di Stabia, dov’è in programma il match di campionato tra vespe ed elefanti. Entrato a due minuti dalla fine al posto dell’ex rossazzurro Nicastro, il centrocampista offensivo pochi secondi prima dello scoccare del gong decide l’incontro finalizzando con una girata un’azione orchestrata dai compagni dopo lo svarione del terzino etneo Garufo. Per Bombagi, tuttavia, complice qualche problema di natura fisica, il girone d’andata non rispecchia le attese maturate dopo la stagione da protagonista vissuta in Campania l’anno precedente con Pancaro in panchina. Così, durante il rush finale della sessione invernale di calciomercato, il giocatore sbarca a Catania tornando a disposizione del proprio mentore. Il tecnico di Acri però viene esonerato dopo quattro giornate senza avere il tempo di rilanciare il proprio pupillo. Ci prova così Francesco Moriero a trovare una collocazione tattica al sardo, inquadrandolo come trequartista centrale nel proprio 4-2-3-1. Bombagi parte bene, segna proprio contro la Juve Stabia, ma un’espulsione rimediata ad Agrigento fa svoltare in negativo l’esperienza in rossazzurro del giocatore, che da lì in avanti alterna gare da titolare a panchine senza mai ritrovare lo smalto.
Nel nuovo corso del Catania caratterizzato dal ritorno di Pietro Lo Monaco e dall’avvento di Pino Rigoli sulla panchina etnea, Bombagi sembra rientrare nei piani, venendo convocato a Torre del Grifo per il ritiro pre-stagionale dove viene sistematicamente provato nel ruolo di mezzala. Complici gli arrivi di numerosi centrocampisti e l’esplosione di Di Grazia, testato nella stessa posizione, gli spazi per l’ex Juve Stabia si riducono drasticamente e il piazzamento sul mercato è una logica conseguenza. Ad assicurarsi i suoi servigi è il Fondi, squadra ripescata in Lega Pro che dal Catania prende pure Calderini. Per Bombagi l’esperienza in rossazzurro si conclude così con 10 presenze ed un gol.