Siracusa-Catania 2-1: le dichiarazioni dei protagonisti

Marco Biagianti in azione oggi a Siracusa

Marco Biagianti in azione oggi a Siracusa  Foto: Nino Russo

Le parole rilasciate da Scaglia, Biagianti, Crispino e mister Raciti al termine della partita fra aretusei ed etnei

MARCO BIAGIANTI
“Non siamo partiti bene, ma oggi è mancato chiaramente il gol. Abbiamo creato almeno sette occasioni importanti, noi potevamo esser più precisi ma il portiere loro è stato il migliore in campo. Nonostante il risultato abbiamo fatto una buona partita, purtroppo il gol del due a uno è arrivato troppo tardi rispetto alle tante occasioni avute. Adesso bisogna pensare subito alla prossima partita, al Matera, perché dobbiamo provare a vincerle tutte. Quando sei costretto a rincorrere non è semplice, ma noi ci crediamo ancora. Oggi abbiamo perso dei punti importanti, ma questa sconfitta non cambia assolutamente i nostri programmi. È un campionato complicato, la scorsa gara avevamo recuperato dei punti mentre oggi li abbiamo persi, può cambiare tutto in qualsiasi momento”.

ALBERTO SCAGLIA
“Il primo gol siamo stati sfortunati: abbiamo perso un pallone su un nostro rinvio che ha generato l’uno contro uno a campo aperto. Io non guardo il risultato, anche se i punti sono importanti, ma la prestazione non è da buttare, anzi. Sul piano del palleggio siamo stati sicuri, il Siracusa ripartiva solamente. Gli episodi ci hanno dato contro fin dal primo minuto, è stata una gara in salita. Negli spogliatoi ci credevamo, abbiamo sfiorato anche il 2-2, ma purtroppo non ci siamo riusciti. Dispiace, ma siamo già concentrati sulla gara di mercoledì col Matera”. Sulla sua possibile cessione l’ex parmense è stato chiarissimo: “Ho cercato di dare tutto me stesso, non ho rimpianti. A Catania sto bene, non c’è alcun problema”.

EZIO RACITI (ALL. SIRACUSA)
“Questa vittoria è l’apice di una carriera, la mia, vissuta fra i dilettanti. Oggi abbiamo vinto una partita difficile contro una grande squadra. Avevo fatto un patto con il ds Laneri e l’ho mantenuto. Ringrazio il presidente per avermi affidato questo incarico. Noi abbiamo meritato la vittoria e loro forse non meritavano di perdere. È troppo bello questo momento, mi tengo la vittoria. È una vittoria che ci dà punti, convinzione ed autostima, ma adesso chiederò ai miei ragazzi di concentrarsi già sulla gara di Pagani.
Un grande Lele Catania, un trascinatore in campo, Crispino lo avevo visto soltanto in video, non lo conoscevo, è tanta roba. Tiscione è un calciatore che nell’uno contro uno è devastante, oggi ha fatto una partita di grande sacrificio. Ai ragazzi ho chiesto che serviva la partita perfetta, soltanto così si poteva portare a casa il risultato, e così è stato. Da domani cercheremo di correggere le sbavature avute oggi, per crescere ulteriormente. Al di là del risultato volevo fare i complimenti all’arbitro che nonostante la giovane età è stato bravo a tenere in pugno il match, evitando che degenerasse”.

DIAMANTE CRISPINO
“Sono contento che la mia prestazione ha portato a questa vittoria in una gara come questa, un derby, che qui a Siracusa è molto sentita. Non so se si tratta della partita più importante della mia carriera, sicuramente è tra le prime insieme alla vittoria del campionato di Serie D. Adesso bisogna pensare già a Pagani”.