Messina-Catania 2-0: cronaca e tabellino

Derby di Coppa al

Derby di Coppa al "Franco Scoglio"  Foto: Nino Russo

La cronaca della gara di Coppa Italia tra peloritani ed etnei. Prestazione insufficiente quella dei rossazzurri

UNA COPPA DA PLAY-OFF
Impegno infrasettimanale per gli etnei di Pino Rigoli. Allo stadio “Franco Scoglio” di Messina – per la prima volta aperto anche ai tifosi rossazzurri – Catania in campo nel match valido per i sedicesimi della Coppa Italia di Lega Pro. Una manifestazione che da questa stagione qualifica a direttamente alla seconda fase dei play-off promozione la squadra che si aggiudica il trofeo. A contendere l’accesso agli ottavi di finale, contro la vincente della gara tra Taranto-Cosenza (in campo quest’oggi alle ore 16.30), ci saranno i giallorossi di casa rigenerati dalla cura di Cristiano Lucarelli: due vittorie e un pareggio nelle tre gare sotto la sua gestione. Gara secca che prevederà, in caso di parità al 90’, tempi supplementari e calci di rigore.

CRONACA
Pomeriggio soleggiato al “Franco Scoglio” di Messina, teatro del derby tra i peloritani e il Catania, valido per i sedicesimi della Coppa Italia di Lega Pro. L’ ACR di Cristiano Lucarelli, privo di Palumbo, Bramati, Ionut e Lazar, in campo con l’undici tipo: Berardi tra i pali; difesa a quattro con De Vito, Maccarrone (catanese ed ex rossazzurro), Bruno, Mileto; terzetto in mediana con Capua, Mancini e Musacci; tridente offensivo composto da Milinkovic, Pozzebon e Madonia. Tra i rossazzurri di Pino Rigoli lasciati a riposo diversi big: Gil, Bergamelli, Bastrini, Di Cecco, Mazzarani e Bucolo e Sibilli. Questo l’undici di partenza degli etnei: Pisseri tra i legni; difesa a quttro con De Rossi e e Djordjevic esterni, coppia centrale inedita con Nava e De Santis (all’esordio con la casacca etnea); mediana tre con Scoppa, Silva e Fornito; tridente d’attacco con Russotto, Calil e Piscitella. Direzione di gara affidata al signor Manuel Volpi della sezione A.I.A. di Arezzo. Con il direttore di gara, gli assistenti Ruben Liberato Angotti (Lamezia Terme) e Danilo Ruggeri (Palermo).

PRIMO TEMPO
Messina in maglia biancoscudata con calzoncini e calzettoni neri. Catania con la casacca rossazzurra, calzoncini azzurri e calzettoni bianchi. Calcio d'inizio affidato al Messina.

3' - Primo calcio d'angolo della partita per il Messina. Dagli sviluppi presa aerea di Pisseri.

5' - Primi cinque minuti di studio, pochissimo da segnalare.

6' - Pasticcio della difesa peloritana per poco non ne approfitta Piscitella.

7' - Calcio d'angolo per il Catania. Dagli sviluppi nessun pericolo per la difesa giallorossa

8' - Prima occasione-gol della partita: il tiro di controbalzo di Milinkovic termina alto di poco.

9' - Ingresso nel settore ospiti dei 190 tifosi catanesi.

10' - Il Messina prova ad intensificare la manovra. Dagli sviluppi di un calcio d'angolo provvidenziale uscita aerea di Pisseri su Giordano Maccarrone.

17' - Calcio di punizione per il Catania dalla trequarti peloritana. Il traversone di Fornito finsce docilmente tra le mani di Berardi. Sul proseguimento dell'azione conclusione da oltre venticinque metri di Scoppa facilmente parata dal numero 1 peloritano.

21' - Bella palla intercettata da Scoppa in mediana: il perfetto lancio del centrocampista argentino mette in moto Russotto. La conclusione del numero 10 rossazzurro, smorzata da una deviazione, finisce tra le braccia di Berardi. Partita molto equilibrata.

25' - Bel traversone sulla destra di Djordjevic, conclusione di prima intenzione di Silva che finisce a lato di poco.

27' - Messina in vantaggio: clamorosa ingenuità di De Rossi che consente a Madonia di presentarsi a tu per tu davanti a Pisseri. Glaciale la conclusione dell'ex Trapani davanti al numero 1 etneo.

30' - Risposta del Catania: la conclusione volante dell'ex Fornito è però da dimenticare. Dopo mezzora di gioco risultato sostanzialmente giusto, premiata la superiorità territoriale dei padroni casa. Etnei quasi inesistenti dalle parti di Berardi.

34' - Ammoniti Scoppa e Maccarrone per reciproche scorrettezze.

43' - Calcio d'angolo per il Catania. Dalla bandierina il traversone di Fornito non genera pericoli rilevanti.

44' - Fiammata rossazzurra con Russotto: il tiro-cross del numero 10 etneo è parato sulla linea di porta dal sempre attento Berardi

47' - Conclusione di Calil alta sulla traversa: primo squillo dell'attaccante brasiliano. Dopo due minuti di recupero l'arbitro Volpi di Arezzo manda le due squadre negli spogliatoi, con il Messina meritatamente in vantaggio. Rossazzurri poco incisivi in avanti. In difesa bene De Santis e Nava, male De Rossi che oltre all'errore in occasione del gol peloritano non è ancora riuscito a prendere le misure a Madonia.

SECONDO TEMPO
Nessun cambio per i due tecnici. Calcio d'avvio affidato al Catania.

50' - Poche emozioni in questo avvio di ripresa, con il gioco che ristagna nella metà campo.

57' - Primo squillo del Catania: traversone sulla sinistra di Djordjevic, palla in dietro di Russotto per Silva, piatto sinistro di prima intenzione del numero 8 etneo che termina abbondantemente alto.

55' - Primo cambio della gara: nel Catania fuori Piscitella, dentro Anastasi.

59' - Punizione da buona posizione per il Catania. La conclusione mancina di Fornito viene deviata in corner da Berardi.

65' - Cartellino giallo sventolato a De Santis per un fallo su Pozzebon proprio al vertice destro dell'area di rigore etnea. Punizione da posizione vantaggiosa per i peloritani.

66' - Cambio nel Messina: fuori Mancini, dentro Akrapovic. Secondo cambio per gli etnei: fuori Silva, dentro l'ex Barisic.

70' - Occasione per il Messina con un colpo di testa di Pozzebon a lato di poco. Sulla susseguente azione, mischia in area peloritana sbrogliata da Berardi in presa alta.

Catania a trazione anteriore con Russotto, Calil e Barisic sulla trequarti a sostegno di Anastasi unica punta.

73' - Catania vicinissimo al vantaggio con Anastasi. La conclusione in diagonale dell'attaccante catanese è deviata in corner da Berardi. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina è ancora il numero 19 rossazzurro a sfiorare il gol con un colpo di testa.

76' - Lucarelli si cautela: fuori l'attaccante Pozzebon, dentro il difensore Rea.

79' - Raddoppio del Messina con il 'solito' Madonia che approfitta di un altro svarione della difesa etnea. Messina 2, Catania 0

82' - Ultimo cambio nel Messina: fuori De Vito, dentro Grifoni.

84' - Terzo ed ultimo cambio anche per il Catania: fuori Fornito, dentro Piermarteri

90' - Messina vicino al tris con una conclusione di Musacci deviata in corner.

Concessi tre minuti di recupero

92' - Conclusione velenosa di Calil. Il tiro scoccato dal brasiliano dal limite dell'area di rigore finisce a lato di poco.

93' - Dopo tre minuti di recupero triplice fischio dell'arbitro Volpi di Arezzo. Messina qualificato agli ottavi di finale della Coppa Italia. Ad attendere i giallorossi, nel turno successivo, la vincente del match tra Taranto e Cosenza. Prestazione sottotono per gli etnei.

TABELLINO
MESSINA (4-3-3): 1 Berardi, 2 Mileto, 3 De Vito, 6 Maccarrone; 15 Bruno; 26 Capua, 8 Musacci, 26 Mancini (dal 66' Akrapovic); 10 Milinkovic, 9 Pozzebon (76' Rea), 11 Madonia. A disp.: 12 Russo, 35 Grifoni, 28 Marseglia, 5 Ricozzi, 27, Rafati, 17 Foresta, 31 Gaetano, 7 Ferri, 32 Fusca, 34 Saitta, 23 Akrapovic, 19 Rea. All: Lucarelli

CATANIA (4-3-3): 12 Pisseri; 26 De Rossi, 20 Nava, 13 De Santis, 20 Djordjevic; 5 Scoppa, 21 Fornito (dall'84' Piermarteri), 8 Silva (dal 66' Barisic); 10 Russotto, 7 Calil, 14 Piscitella (dal 55' Anastasi). A disp.: 1 Martinez, 9 Paolucci, 11 Barisic, 15 Mobodj, 19 Anastasi, 23 Di Grazia, 25 Sessa, 27 Biagianti, 28 Parisi, 30 Piermarteri, 31 Graziano, 33 Manneh. All: Rigoli

ARBITRO: Volpi di Arezzo; Angotti-Ruggeri

INDISPONIBILI: Lazar, Palumbo, Bramati e Ionut; Bergamelli, Bastrini, Gil, Sibilli, Di Cecco e Mazzarani

RETI: al 27' e al 79' Madonia

AMMONITI: Scoppa, Maccarrone, De Santis

ESPULSI:

RECUPERO: 2' p.t.