Manno, Florio, Di Stefano e Condorelli: 4 Under alla corte di Mascara

Dalla sinistra (grafica a cura di Bruno Marchese), Luigi Manno, Carmelo Florio, Davide Di Stefano e Salvatore Condorelli.

Dalla sinistra (grafica a cura di Bruno Marchese), Luigi Manno, Carmelo Florio, Davide Di Stefano e Salvatore Condorelli.  Foto: CalcioCatania.com

Oggi alle 8 al Valentino Mazzola di San Cataldo primo allenamento per i quattro giovani, a breve la firma per il prestito

La società di Via Magenta prosegue nel puntare sulla politica di valorizzazione dei propri giovani più promettenti, cedendoli in prestito a società di Serie D, così da farli poi rientrare più forti e maturi. Significativa la scelta del Catania di far sottoscrivere ai '98 che la scorsa stagione avevano maturato importanti esperienze nel medesimo torneo il primo contratto da professionista: si tratta come noto dei centrocampisti Alessio Rizzo e Simone Schisciano, e i difensori Samuele Bonaccorsi e David Biancola. Altri protagonisti più giovani, magari con minutaggio più o meno cospicuo, saranno nuovamente riproposti nel torneo di Serie D; è il caso del portiere Luigi Spataro ('99) e il centrocampista Gaetano Bellanca (2000) che hanno preso la strada che porta a Francavilla a Mare, mentre a San Cataldo, è oggi il turno di un gruppetto di quattro giovani "moschettieri" sempre rossazzurri, presentatisi alla corte di mister Mascara al primo giorno di preparazione al Valentino Mazzola: il portiere Luigi Manno e il difensore Carmelo Florio, entrambi classe 2000, e i centrocampisti Davide Di Stefano e Salvatore Condorelli, '99 ambedue, tutti girati in prestito alla società verde-amaranto. Nel pomeriggio, come da tabella di marcia che ne prevede due al giorno, altro allenamento; a breve i ragazzi firmeranno per il prestito.

Luigi Manno. "Piombato" a Torre del Grifo nell'estate del 2016, il simpaticissimo e "vulcanico" portiere napoletano ha difeso i pali delle più importanti e storiche realtà del mondo pedatorio campano, dalla scuola calcio Mariano Keller, al sogno che ogni partenopeo vorrebbe realizzare indossando la maglia azzurra, riuscito fra i Giovanissimi del Napoli, ancora nell'Aversa Normanna e tra i falchetti della Casertana con gli Allievi. Significativo, nel mezzo, il transito nella Damiano Promotion dove vince con i compagni il titolo del campionato Allievi Regionali. A Catania è subito titolare, insostituibile nel tempo, degli Under 17 nazionali, vantando uno score da primato nell'imbattibilità della propria porta. A fine stagione l'importante esordio sotto età nella Berretti (di cui era comunque il secondo), parando un rigore fondamentale. Nella seconda stagione Berretti, pur in presenza di un unica gara da titolare, continua a migliorare tutti i fondamentali sotto gli occhi attenti del preparatore Onorati, allenandosi più volte in prima squadra, proprio nella prospettiva dell'importante operazione di mercato adesso realizzata.

Carmelo Florio. Inizia nella scuola calcio Pompei di Messina, e, dopo aver partecipato a uno stage con la Fiorentina, muove verso l’altra sponda dello stretto, frequentando la scuola calcio Reggio 2000. Rientra nella sua città e con la scuola calcio Città di Messina vince il torneo italiano Under 12. Dopo un provino con la Lazio, viene ingaggiato dal Catania, prima in prestito, poi definitivamente, iniziando dalla categoria Giovanissimi Regionali e Nazionali, per arrivare nell'Under 17. Giovanissimo, quasi un segnale divinatorio, nel dicembre 2015 viene aggregato alla prima squadra per giocare il triangolare intitolato a Marco Salmeri a Milazzo con mister Pancaro, esordendo da titolare con la maglia n. 23 nella finale poi vinta dai rossazzurri ai calci di rigore. Altro traguardo significativo, nel 2016 indossa la maglia azzurra dell’Under 16 di mister Arrigoni. Dall'Under 17 viene chiamato sotto età nella Berretti di mister Pulvirenti, fino al debutto dal primo minuto nella maggiore squadra giovanile, in occasione di Catania-Messina 1-0, timbrando il cartellino per 7 gare consecutive. La scorsa stagione è definitivamente titolare indiscusso nella Berretti sull'out basso destro, oggi arriva dunque il momento di una scelta importante.

Davide Di Stefano. In sole tre stagioni dai Giovanissimi alla prima squadra, Davide si forma come tanti giovani catanesi nella scuola calcio della Meridiana. Nel 2012 vince a San Siro la Gazzetta Cup, categoria Young. Dopo i provini a Vinovo, centro simbolo della scuola juventina, a 13 anni si aprono per lui le porte di Torre del Grifo, inizialmente fra i Giovanissimi Regionali, poi nel fine stagione fra le file dei Nazionali. La stagione successiva, ancora doppio percorso per il ragazzo, prima con gli Allievi Regionali, poi con i Nazionali. Arriva il tempo della Berretti, con il progetto ben delineato che porta i ’99 al fianco dei ’98, dove Davide si alterna fra i ruoli di regista, mediano e soprattutto interno destro. Anche lui viene chiamato da Pancaro in occasione del memorial di Milazzo; giocando nella gara finale, ai rigori, si toglie lo sfizio di realizzare il proprio penalty. Il ragazzo viene aggregato alla squadra maggiore, anche convocato, senza esordire. Un'altra grande stagione nel successivo torneo Berretti, costituisce il passe-partout per l'esordio in Serie C al Massimino contro il Cosenza, coronando il suo sogno più grande. Nella stagione 2017/18 intraprende il percorso di maturazione giocando in Serie D, dapprima nel Rimini, poi nell'Acireale.

Salvatore Condorelli. Come noto nel 2011 la classe '99 è la prima a metter piedi per l'intero percorso delle giovanili a Torre del Grifo, e Salvo è già al Village nei quadri dei Giovanissimi Regionali, dopo aver fatto parte nelle stagioni precedenti degli Esordienti B ed A. Non partecipa però al campionato nazionale perchè si trasferisce alla Meridiana e poi alla San Pio X, ma la consacrazione avviene nella Katane Soccer dove il centrocampista sinistro mette in mostra attitudini e caratteristiche che nella stagione 2015/16 non sfuggono al selezionatore regionale Di Fiore che lo convoca nella Rappresentativa Allievi che partecipa al 55° Torneo delle Regioni in Calabria. E' tempo di rientrare fra i rossazzurri, nell'estate 2016 Condorelli ritorna a Torre del Grifo, nei ranghi della Berretti di mister Pulvirenti. Il centrocampista non trova spazi, facendo molta panchina. Ma quella appena conclusa è la stagione della conferma, Condorelli è titolare della porzione sinistra della mediana, rigorista della squadra (5 realizzati su 6 tirati lo score) e maggior realizzatore nella regular season con sei reti. Sul finire dell'anno, contro la Casertana al Massimino, siede sulla panchina della prima squadra, convocato insieme ai compagni Berti, Papaserio e Napolitano. Adesso una grande opportunità di crescita a San Cataldo agli ordini di Mascara.