Lucarelli: "Amarezza e delusione; primo tempo no; i ragazzi ci hanno provato"

La tensione di Cristiano Lucarelli durante il match col Trapani

La tensione di Cristiano Lucarelli durante il match col Trapani  Foto: CalcioCatania.com

Le parole del tecnico rossazzurro in sala stampa al "Massimino", al termine della gara vinta dal Trapani per 2-1

Le dichiarazioni di Cristiano Lucarelli nel dopo-gara del "Massimino":

«C’è amarezza e delusione, rabbia no, perché i ragazzi ci hanno provato, dispiace aver regalato il primo tempo e paradossalmente l’1-0 è arrivato nel miglior momento nostro. Nel calcio, in Italia, chi vince ha sempre ragione. Il Trapani ha approcciato la partita con la serenità di chi non aveva niente da perdere, noi abbiamo sbagliato molti passaggi importanti, credo che l’emotività nel primo tempo ci ha giocato un brutto scherzo, non posso pensare che i ragazzi dal niente hanno disimparato a giocare, nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà ad esprimerci come sappiamo fare».

«Ho contato sei occasioni davanti al portiere davvero clamorose, ma in Italia è davvero difficile quando si perde far notare determinate cose, siamo drogati dal risultato. Bisogna buttarla dentro e non subire gol, stasera questa equazione non ci è andata bene».

«Quando ci sono tre squadre forti così vicine non si può escludere nulla, neanche il rischio di poter arrivare terzi. Avevamo un vantaggio, ma non lo abbiamo sfruttato e per questo non credo di dover rimproverare qualcosa ai miei ragazzi».

«Ora c’è da fare il nostro dovere che è quello di vincere le due partite che rimangono. Dopo Monopoli siamo ripartiti, questa qua ci farà ricaricare per le partite che rimangono e, se li faremo, per i play off».

«Non penso che il primo posto sia andato, nel calcio può succedere di tutto, in fondo abbiamo anche lo scontro diretto (con il Lecce, ndr) dalla nostra parte. Un conto le cose è dirle, chiederle, una cosa è il campo, dove c’è l’avversario. La nostra stagione non è finita, abbiamo il dovere di fare 6 punti nelle prossime due partite».