Lo Monaco: "Lecce obbligato a vincere, noi dobbiamo fare il Catania!"

  Foto: Nino Russo

Le dichiarazioni del direttore generale rossazzurro

Al termine del confronto tra Catania e Sion, valido per il sesto Memorial Massimino, conclusosi con il successo etneo per 2-1, è stato l’amministratore delegato Pietro Lo Monaco ad incontrare i giornalisti presenti nella sala stampa dello stadio catanese. Queste le dichiarazioni del dirigente di Torre Annunziata raccolte: “Questa partita ha confermato che la nostra squadra ha un livello importante, non abbiamo sfigurato. Abbiamo giocato contro una squadra che gioca nella Serie A svizzera, costruita per vincere il campionato, anche se al momento la classifica non è delle migliori. Andiamo avanti per la nostra strada, tenendo ben in mente il nostro obiettivo che è il salto di categoria”.


Mercato: due arrivi nei prossimi giorni
"Noi andremo ad iniettare forze nuove laddove serve. Caccavallo è uno di questi, ha fatto delle cose interessanti e potrà essere un’arma utile per il nostro tecnico. Altri due arriveranno nei prossimi giorni, a breve. Nomi non ne faccio, uno di questi è un giocatore originario del meridione... Partenze? È inevitabile che se entra un over bisogna cedere un over, per via della lista da presentare alla Lega”.

Lecce obbligato a vincere, noi…
“Bisogna concentrarsi e rimanere sul pezzo. Così come fatto in passato anche nel corso di questa settimana preferisco che la squadra venga isolata, quindi parlo io. Affronteremo la gara di Lecce con le idee chiare. La differenza tra noi e loro è abbastanza semplice: il Lecce deve vincere il campionato, hanno l’obbligo di vincerlo, anche perché è da sei anni che provano a conquistare il salto di categoria; noi, invece, vogliamo vincere, mi sembra abbastanza chiaro. Si tratta di due squadre che fino a questo momento hanno fatto un grande campionato. Loro hanno una capacità diversa di calarsi nella categoria, noi invece, talvolta, ci siamo distratti, vedi le cinque sconfitte. Ci aspettiamo un ambiente carico e una squadra che ha l’obbligo di vincere. Al novantesimo tireremo le somme”.

K.O. Casertana brucia ancora
“Sono ancora avvelenato per la sconfitta contro la Casertana, se la squadra ha superato questo shock buon per loro. Avevamo in mano un’occasione più unica che rara. Abbiamo bruciato l’opportunità di stare lassù con loro (a -1 ndr) con quattro sconfitte nel groppone. È chiaro che dobbiamo migliorare qualche aspetto. Se Catania e Lecce continuano a mantenere questo passo a fine campionato avremo due squadre oltre gli ottanta punti. A Lecce mi aspetto un Catania che faccia il Catania!”

Condizione infortunati
“Si tratta di botte che rientrano nella norma. Mazzarani ha preso una botta al costato, si tratta solo di un indolenzimento. Fornito? Sta meglio di me. Russotto? Sta bene, ha recuperato pienamente, oggi non lo abbiamo voluto rischiare. Non mi meraviglierei di averlo disponibile contro il Lecce. Bogdan? Ha fatto dei passi da gigante, è sotto l’attenzione di molti. Oggi ha dimostrato di essere sulla buona strada per riprendere il suo rendimento usuale. Lodi? Deve recuperare la miglior condizione, così come qualche altro elemento, come ad esempio Di Grazia. Oggi “u picciriddu” ha dimostrato di essere in palla, poteva segnare una o due reti. Biagianti? Ha preso una pallonata all’occhio, meglio non rischiarlo. Manneh? È un 98, che può ricoprire diversi ruoli, puntiamo molto su di lui. Abbiamo un organico di 24 elementi, tutti di spessore. Lui è uno di questi”.

Trasferta di Lecce
“La trasferta non è stata ancora vietata ma, sinceramente, non credo che i nostri tifosi saranno presenti a Lecce, anche perché nella gara di andata i salentini non sono venuti qui a Catania”.