Juve Stabia-Catania, presentazione: Esame stabiese

I rossazzurri festeggiano la vittoria sul Catanzaro

I rossazzurri festeggiano la vittoria sul Catanzaro  Foto: CalcioCatania.com

Rossazzurri e gialloblù si affrontano a Castellammare di Stabia, sabato 18 novembre alle 14.30, per la quindicesima giornata

SI GIOCA AL "MENTI"
Dopo il tour de force delle tre partite in otto giorni, il Girone C della terza serie torna a giocare a distanza di una settimana. Sabato 18 novembre il Catania sarà impegnato al "Romeo Menti" di Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia. La gara avrà inizio alle 14.30 e sarà diretta da Manuel Volpi della sezione di Arezzo, il quale sarà coadiuvato da Mariottini e Nuzzi. Si giocherà per la quindicesima giornata. Gli etnei sono sempre secondi in classifica con 28 punti all’inseguimento del Lecce che ne ha 33. Dietro ci sono Trapani a 25 e Siracusa (riposa questa giornata) a 23; i gialloblù sono attualmente in zona play-off, occupando il nono posto a quota 17.

JUVE STABIA: TERZA GARA A CASTELLAMMARE
I campani lo scorso anno, dati tra i favoriti per la vittoria del Girone C, disputarono un ottimo campionato piazzandosi al quarto posto per poi uscire nella seconda fase dei play-off per mano della Reggiana. All’inizio della nuova stagione ci sono stati dei cambiamenti, per quanto riguarda arrivi e partenze, e la squadra è stata affidata alla guida tecnica del duo Fabio Caserta-Ciro Ferrara. Il primo conta 107 presenze e 14 reti da calciatore con la maglia del Catania, prima di passare al Palermo, il secondo è un ex difensore proprio dei rosanero. I gialloblù su 13 gare di campionato sin qui disputate hanno totalizzato 4 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte; 15 i gol realizzati, altrettanti quelli subiti. Il rendimento casalingo è altalenante: 2 vittorie (col Fondi 2-0 e con il Rende 1-0), un pareggio (1-1 con il Francavilla) e 2 sconfitte (Juve Stabia-Trapani 1-3 e Juve Stabia-Lecce 2-3). Al "Menti" in realtà le vespe sono ancora imbattute perché sul sintetico di Via Cosenza hanno giocato soltanto le gare con Rende e Virtus Francavilla, a causa dei lavori di rifacimento del manto erboso. Le altre tre partite interne sono state disputate al "Pinto" di Caserta. Tra i gialloblù annoveriamo: il difensore Matteo Bachini (in estate sembrava fatta per il suo arrivo in rossazzurro), l’ex Catania Valerio Nava (nella prima parte della scorsa stagione ha collezionato 9 presenze in rossazzurro), l’ex promessa del Parma Daniele Paponi, Alessandro Mastalli (figlio di Ennio) e l’ex Trapani Canotto. Miglior marcatore degli stabiesi è Paponi con 5 realizzazioni, segue Simeri con 3. Nell’ultimo turno le vespe sono state battute dal Cosenza al "Marulla" per 1-0.

CATANIA: SETTIMA TRASFERTA
Il Catania battendo il Catanzaro per 1-0 domenica scorsa al "Massimino" ha conquistato la terza vittoria di fila dopo quelle con Bisceglie e Paganese, prima delle quali aveva subito due sconfitte di fila contro Leonzio e Reggina. Il gol-vittoria è stato realizzato da Cristian Caccetta alla sua prima marcatura in maglia rossazzurra. Il centrocampista siciliano con la casacca del Cosenza la scorsa stagione ha messo a segno 6 reti in 29 partite, pertanto aspettiamoci altre gioie per lui come quella con i calabresi. L’assist per il suo colpo di testa vincente è stato fornito dall’ottimo Andrea Di Grazia direttamente da calcio d'angolo. Con i giallorossi è stata una gara tosta e l’elefante è uscito a testa alta con altri tre punti d’oro per continuare la scalata al primo posto. Nel primo tempo Aya ha centrato la traversa con un colpo di testa, poteva essere il suo secondo gol con gli etnei e il primo al "Massimino", mentre a Curiale è stata annullata una rete (sarebbe stato il suo sesto sigillo). Da segnalare inoltre per l’ottima prestazione Tedeschi, Bogdan, Lodi e Bucolo (in campo nel quarto d’ora finale). Il Catania è chiamato alla trasferta di sabato pomeriggio a Castellammare di Stabia, in uno stadio ostico ai colori rossazzurri. C’è molta curiosità sull’impiego dal primo minuto, assai probabile, dell’ex bomber gialloblù Francesco Ripa oggi alle falde dell’Etna. Il numero 29 rossazzurro è chiamato a realizzare il più classico dei gol dell’ex, dopo la gioia mancata di un soffio nella gara di domenica, quando dopo una splendida azione ha lasciato partire un destro che si è stampato sul palo. In trasferta la compagine di mister Lucarelli vanta 4 vittorie (con Francavilla, Cosenza, Siracusa e Paganese), due sono le sconfitte (con Casertana e Reggina); 11 i gol fatti, 5 quelli subiti.

TORNARE A BATTERE LE VESPE NEL LORO STADIO
Risale a 17 anni fa, 2 aprile del 2000, l’ultima e unica affermazione del Catania al "Romeo Menti" di Castellammare di Stabia contro i padroni di casa della Juve Stabia. Dopodiché due sconfitte e un pareggio nelle ultime tre gare. Nella stagione 2015/2016 i padroni di casa vinsero 2-1; la scorsa stagione si giocò due volte nell’impianto di Via Cosenza: la prima fu il 22 dicembre 2016 quando i rossazzurri giocarono una delle partite più brutte dello scorso torneo, perdendo 4-0 e finendo la gara in 9 per le espulsioni di Bergamelli e Valerio Nava; la seconda fu la partita del primo turno dei play-off, che terminò col punteggio di 0-0 e che qualificò i campani grazie al miglior piazzamento al termine della regular season.
I precedenti in Campania sorridono ai gialloblù che vantano 3 vittorie e un pareggio, una la sconfitta. Da domani questa rotta va cambiata, ci sono in palio altri tre punti importantissimi per continuare a "tenere d’occhio" il Lecce che vuol tentar la fuga.