Juve Stabia-Catania: il ritorno al "Menti" di Ciccio Ripa

Ciccio Ripa con la maglia della Juve Stabia

Ciccio Ripa con la maglia della Juve Stabia  Foto: CalcioCatania.com

Prima da ex a Castellammare per il numero 29 rossazzurro. Un ritorno da celebrare con il gol.

L'ORA DEL RILANCIO
Sabato 18 novembre, alle ore 14:30, il Catania renderà visita alla Juve Stabia in una delle gare in trasferta più insidiose del Girone C 2017-18. Campo ostico, che in passato ha visto vincere i rossazzurri soltanto in una circostanza, conosciuto a menadito da quel Ciccio Ripa che fino alla scorsa stagione ha indossato la maglia dei campani. Nelle tre stagioni in gialloblu l’attaccante di Battipaglia ha totalizzato 26 reti in 59 gare. Uno score da bomber di razza, da cecchino dell’area di rigore, non ancora emulato con la maglia del Catania. Nel corso di questa stagione Ciccio Ripa ha totalizzato con la maglia degli etnei 12 presenze e 3 reti (due delle quali in Coppa Italia contro l’Akragas). Bottino magro per un attaccante come lui, abituato a segnare valanghe di gol con tutte le maglie indossate, in primis con quella rossonera del Sorrento.

Ciccio Ripa mette a sedere due difensori del Catanzaro... 



Ripa in crisi? Altroché. Dopo un avvio di stagione a rilento, sempre in cerca della miglior condizione fisica, nelle ultime due giornate – contro Paganese e Catanzaro – il numero 29 rossazzurro ha lanciato segni di crescita assai evidenti: dal gol del sorpasso di Pagani, il primo (ed unico, al momento) in campionato, al clamoroso palo colpito contro i calabresi dopo uno show personale che ha tenuto con il fiato sospeso gli spettatori presenti al “Massimino”. Ripa c’è, è tornato, proprio nel momento più importante del girone di andata, quello nel quale bisogna tenere il ritmo della capolista Lecce, senza perdere ulteriori punti, e, magari, rosicchiare qualche punticino in vista dello scontro diretto in programma a gennaio in Salento. Prima della gara del “Via del Mare”, però, ci sono in mezzo sette gare ancora da disputare, una delle quali proprio quella di Castellammare di Stabia. Al “Romeo Menti”, proprio davanti ai suoi vecchi tifosi, si attende il definitivo (ri)lancio dal primo minuto di Ciccio Ripa, ma soprattutto qualche rete pesante, da bomber di razza qual è, che segni la sua definitiva esplosione in rossazzurro. Il tempo dell’attesa e del rodaggio è finito, adesso servono i fatti. E i gol.