Il "Massimino" si prepara per il primo Boato

Supporters rossazzurri immortalati durante l'ultima partita di Coppa Italia al

Supporters rossazzurri immortalati durante l'ultima partita di Coppa Italia al "Massimino"  Foto: CalcioCatania.com

Grande attesa per l’esordio dei rossazzurri tra le mura amiche. La presentazione della gara tra Catania e Vibonese

QUINTA GIORNATA
Il Catania giocherà la prima gara al "Massimino", per il campionato di Serie C 2018/2019, sabato 6 ottobre alle 18.30 contro la Vibonese. I calabresi hanno 4 punti dopo quattro partite giocate, 3 ne hanno i siciliani dopo una sola gara. L’incontro è valevole per la quinta giornata del Girone C e verrà arbitrato da De Santis di Lecce, con il quale ci saranno gli assistenti Mansi e Parrella.

CATANIA: MAROTTA C’È
I rossazzurri sono reduci dall’esordio in campionato, sabato scorso in quel di Rende, dove è arrivato il primo successo grazie ad una prestazione da Squadra. Passati in vantaggio con Manneh dopo 13 minuti di gioco (è del gambiano il primo sigillo del torneo per quanto riguarda gli etnei), gli uomini di Sottil si fanno agguantare alla mezz’ora, dando coraggio agli avversari che "rischiano" di passare in vantaggio, bravo Pisseri ad evitarlo in una paio di occasioni (perdonato per l’incertezza nella rete del pareggio biancorosso). Nella ripresa l’elefante torna in campo con la voglia di vincere, costruisce diverse palle gol, fino a quando non arriva quella vincente a otto minuti dal 90’, grazie all’incornata di Tommaso Silvestri, servito abilmente da "Ciccio" Lodi direttamente da calcio d’angolo, che disegna una traiettoria imparabile per il portiere del Rende e realizza il gol vittoria. Successo decisamente importante per il Catania, che incontrava una squadra a punteggio pieno dopo tre partite e che non scendeva in campo per una gara ufficiale da 48 giorni. Il mister di Venaria Reale ha schierato i suoi undici con il 4-2-3-1, con Pisseri tra i pali, Calapai, Aya, Silvestri e Scaglia in difesa, Giuseppe Rizzo e Biagianti i due di centrocampo e con Barisic, Lodi e Manneh dietro l’unica punta Curiale. In corso d’opera hanno fatto il loro ingresso in campo Baraye, Bucolo, Vassallo e Brodic. Contro la Vibonese si potrà rivedere in campo Alessandro Marotta (in gol nel match di Coppa Italia con il Verona), in Calabria assente per squalifica, ancora out Llama.

VIBONESE: 2 GOL FATTI E 5 SUBITI IN 4 PARTITE
La compagine del presidente catanese Giuseppe Caffo, ritornata in Serie C dopo una stagione (vittoria del campionato dilettanti dopo la retrocessione dal Girone C di Lega Pro nel 2017) ha ottenuto quattro punti in altrettante giornate di campionato, frutto di una vittoria e un pareggio. Nell’ultimo turno è arrivato il primo successo degli uomini di Nevio Orlandi ‒ da calciatore è stato difensore di Licata e Akragas, da allenatore ha guidato la Reggina alla salvezza in Serie A nella stagione 2008/2009 ‒ in casa contro il Matera. Vittoria di misura per 1-0 grazie al gol siglato da Taurino allo scadere dei primi 45 minuti. Nel primo incontro di campionato i rossoblù hanno pareggiato a Bisceglie per 1-1, pareggio ospite ad opera di De Carolis. Dopo sono arrivate due sconfitte consecutive, entrambe per 2-0, alla seconda e alla terza giornata, con il Trapani tra le mura amiche e il Catanzaro in trasferta. I leoni hanno fin qui giocato con il 3-5-2, eccetto nell’ultimo match con i lucani dove la squadra è stata schierata con il 4-3-3: Mengoni in porta, Maciucca, Camilleri, Silvestri e Ciotti in difesa, centrocampo con Collodel, Obodo e Tito, in attacco c’erano Taurino, Bubas e l’ex attaccante del Catania, Edgar Çani. Nella ripresa hanno trovato spazio anche De Carolis, Finizio, Franchino e Scaccabarozzi.

PRIMA AL "MASSIMINO"
Dopo due mesi dall’ultima volta, la gara del terzo turno di Coppa Italia contro il Verona (vinta per 2-0 grazie alle segnature di Silvestri e Marotta) lo scorso 12 agosto, i tifosi catanesi potranno riabbracciare la propria squadra in occasione della sfida con la Vibonese che segna l’esordio al "Massimino" in questo campionato, alla quale assisteranno almeno diecimila spettatori. C’è dunque grande attesa per il debutto casalingo dei rossazzurri che, come dichiarato da Sottil durante la conferenza della vigilia, dovranno avere pazienza e sfruttare tutto il potenziale in loro possesso per poter scardinare le possibili barricate ipponiche. Il tecnico piemontese pretende una prestazione da Catania, con grande personalità dall’inizio alla fine. Gli ingredienti per il primo cocktail di emozioni casalinghe ci sono tutti. . .adesso parola al campo e agli spalti.