Focus sul prossimo avversario: la Viterbese

Mister Antonio Calabro

Mister Antonio Calabro  Foto: Nino Russo

La partita tra laziali e rossazzurri è in programma domenica 24 febbraio allo stadio 'Rocchi' di Viterbo

Domenica 24 febbraio il Catania sarà di scena allo stadio "Enrico Rocchi" di Viterbo dove affronterà i padroni di casa della Viterbese. Si giocherà alle 14.30, la gara sarà valida per la 28ª giornata del Girone C della Serie C, la nona del girone di ritorno. Il paradosso, conseguenza del caos estivo dei mancati ripescaggi in cadetteria, è che la partita di andata tra siciliani e laziali verrà giocata dopo quella di ritorno. Si disputerà, infatti, il prossimo 3 aprile al "Massimino".

--> L’andamento in campionato
La Viterbese ha cominciato il suo campionato lo scorso 3 novembre, in casa contro il Rieti. I gialloblù sono partiti con quasi due mesi di ritardo rispetto all’inizio del torneo ‒ e costretti a giocare ogni tre giorni ‒ per via della richiesta del proprio presidente, Piero Camilli, di essere inserito nel Girone A, situazione legata al caos ripescaggi e in particolare a quella dell’Entella: i laziali avrebbero dovuto sostituire i liguri nel girone settentrionale della terza serie qualora i biancoazzurri fossero stati riammessi in B. Le prime due sconfitte nelle altrettante gare d’esordio (con Rieti e Sicula Leonzio, entrambe in casa) sono costate la panchina a Giovanni Lopez, il quale è stato sostituito da Stefano Sottili, che ha guidato i leoni fino allo scorso gennaio, quando a sua volta è stato rimpiazzato da Antonio Calabro, ex tecnico di Casarano, Gallipoli, Virtus Francavilla e Carpi.
Sono 21 le gare disputate dai gialloblù (6 in meno delle avversarie) nelle quali hanno collezionato 8 vittorie, 5 pareggi e 8 sconfitte. Al "Rocchi" sono cadute Bisceglie (4-0), Potenza (1-0), Paganese (2-1), Siracusa (2-0) e Virtus Francavilla (1-0); parità nelle sfide con Casertana (0-0), Trapani (2-2) e Reggina (1-1); 3 sono anche i k.o. interni: con Rieti (0-1), Sicula Leonzio (1-2) e Juve Stabia (0-4). Fuori casa sono 3 i successi: battute Leonzio e Monopoli con il punteggio di 2-0 e il Bisceglie per 1-0; 2 i pareggi: entrambi per 1-1, contro Rende e Cavese; 5 le sconfitte: a Matera (1-0), Castellammare di Stabia (4-0 con la Juve Stabia), Vibo Valentia (1-0 dalla Vibonese), a Reggio Calabria (3-1 dalla Reggina) e a Siracusa (1-0).
Calabro, che ha preso il posto di Sottili dopo la sconfitta casalinga con la Juve Stabia, ha totalizzato 4 vittorie (consecutive, 2 in casa e 2 fuori), un pareggio (in trasferta) e una sconfitta (al suo esordio il 23 gennaio contro la Reggina al "Granillo").

--> I numeri
I gol fatti sono 22, quelli subiti 23. Le reti sono state siglate da: Pacilli (4), Polidori (4), Bismarck (3), Baldassin (2), Luppi (2), Vandeputte (2), Atanasov (1), Mignanelli (1), Rinaldi (1), Tsonev (1) e Saraniti (un gol anche per lui che a gennaio è tornato al Lecce, in cadetteria).

--> L’organico
Il capitano dei leoni è Simone Sini, difensore mancino classe '92 scuola Roma, che ha collezionato 18 presenze nell’attuale campionato; compagno di reparto è Andrea Coda, ex di Udinese, Empoli, Parma, Sampdoria e Livorno che ha giocato per le nazionali giovanili, la scorsa stagione in B con il Pescara, arrivato da svincolato nel mercato di gennaio. Sempre del reparto arretrato fa parte Francesco De Giorgi, terzino destro proveniente dal Catanzaro, che nella sua carriera ha indossato anche le maglie di Andria e Taranto.
Dal mercato di riparazione è arrivato dal Lecce il centrocampista bulgaro Radoslav Tsonev, che è già sceso in campo 7 volte con la sua nuova squadra, andando a segno nella gara d’andata contro il Siracusa. L’anno scorso con i giallorossi ha totalizzato 21 presenze e 2 reti; tra i centrocampisti figura anche il belga Jari Vandeputte, ex Gent (squadra della sua città), alla seconda stagione in casacca gialloblù. In questa stagione ha totalizzato 16 presenze e 2 gol.
Per il reparto offensivo annoveriamo i migliori realizzatori dei laziali, con 4 marcature: Mario Pacilli e Alessandro Polidori. Pacilli, ex di Avellino, Trapani e Lecce, la scorsa stagione con i salentini è stato promosso in Serie B e ha collezionato 14 presenze; Polidori invece è arrivato la scorsa estate dalla Pro Vercelli e anche lui ha indossato la maglia del Trapani; tra le punte si sta facendo apprezzare anche il giovane ghanese, 21 anni, Ngissah Bismarck, cresciuto nelle giovanili del Chievo; altro attaccante, arrivato a gennaio, è l’ex Modena e Verona Davide Luppi, che ha segnato due gol in 4 partite.

--> La formazione tipo
Mister Calabro esordì contro la Reggina schierando i suoi uomini con il 4-4-2, ma in seguito ha deciso di passare al 3-5-2, optando anche per il 3-4-1-2. La formazione tipo è la seguente:
Valentini;
Rinaldi, Atanasov (Coda), Sini;
De Giorgi (Damiani), Cenciarelli (Damiani), Palermo (Tsonev), Baldassin (Zerbin), Mignanelli (Vandeputte);
Luppi (Polidori), Bismarck (Pacilli);

Con i tecnici che hanno preceduto Calabro, la Viterbese aveva giocato anche con il rombo, 4-3-1-2, con il modulo ad albero di Natale, 4-3-2-1, e con il 4-3-3.
In avanti l’ex tecnico del Francavilla ha l’imbarazzo della scelta con Luppi, Polidori, Bismarck e Pacilli che si alternano. In porta Valentini, arrivato a gennaio dalla Triestina, è divenuto l’estremo difensore titolare a discapito di Forte.