Catania, al 'Massimino' arriva il Matera fanalino di coda

  Foto: Nino Russo

La presentazione della gara tra etnei e lucani

TURNO INFRASETTIMANALE
Mercoledì 23 gennaio, in infrasettimanale, si giocherà il 22° turno del Girone C del Campionato di Serie C. Il Catania ospita il Matera allo stadio "Angelo Massimino". Si giocherà alle 20.30 e a dirigere l’incontro sarà Eduart Pashuku, di origini albanesi, della sezione di Albano Laziale. Il direttore di gara sarà assistito da Vitali e Poentini. I rossazzurri, a seguito della sconfitta di domenica in terra aretusea, sono scivolati al quarto posto in classifica, restando fermi a 37 punti, appaiati al Catanzaro e rispettivamente a meno 3 e a meno 12 da Trapani e Juve Stabia. I lucani si dividono l’ultima posizione con la Paganese, a quota 8 punti.

CATANIA: AL "MASSIMINO" 7 SUCCESSI
I rossazzurri, domenica scorsa al "De Simone" contro il Siracusa, sono incappati nella quarta sconfitta in campionato (2-1 il risultato finale), dopo quelle con il Catanzaro in casa e con Bisceglie e Potenza fuori. Con le due reti subite, si interrompe l’imbattibilità della retroguardia etnea che durava da ben cinque giornate e i gol incassati adesso sono 14; Lodi ha realizzato il suo settimo sigillo, il secondo consecutivo direttamente da calcio di punizione, dopo quello ai danni del Monopoli il 30 dicembre. Con gli aretusei, beccato il primo gol dopo una manciata di secondi, l’Elefante è stato poco lucido sotto porta, sprecando delle occasioni importanti: due per Biagianti e Aya e una per Curiale nel primo tempo; nella ripresa ancora occasioni clamorose per Aya e Curiale quando il punteggio era di 2-0. Adesso il Catania dovrà rialzare la testa al "Massimino", dove ha vinto 7 volte e subito una sconfitta.

MATERA: IN CAMPO CON LA "BERRETTI"?
La formazione di mister Imbimbo, alla quale nel corso del torneo sono stati inflitti 8 punti di penalizzazione, sul campo ne ha conquistati 16 e sarebbe appaiata alla Viterbese al quartultimo posto. Ma la salvezza sembra ormai un obiettivo difficile da raggiungere, considerati i problemi della società materana che non paga gli stipendi ai propri calciatori da settembre, tanto che gli atleti nelle ultime tre gare si sono rifiutati di scendere in campo, costringendo la società a dover schierare la formazione "Berretti". Ciò è accaduto nelle gare perse a Rieti, per 4-0 lo scorso 30 dicembre, e in casa contro Reggina, 0-6 il 26 dicembre, e Sicula Leonzio, nell’ultima gara del bue, sconfitto 4-0 dai siciliani; e molto probabilmente riaccadrà domani al "Massimino". Il Matera non ha mai vinto fuori casa in questa stagione e lontano dal "Franco Salerno" ha ottenuto 2 pareggi e 8 sconfitte. In totale le sconfitte sono 12 e dopo Rieti e Paganese è la squadra che ne ha subite di più nel girone; 4 sono i successi, altrettanti i k.o.

ALL'ANDATA SUCCESSO AL "XXI SETTEMBRE"
Nel match di andata, fra Catania e Matera, recupero della terza giornata, disputatosi martedì 27 novembre alle 14.30, si registrò il successo per 2-0 dei siciliani, grazie alle prime reti in rossazzurro di Andrea Vassallo e Luca Calapai.
Domani sera, davanti al proprio pubblico e contro una squadra che quasi sicuramente scenderà in campo con i giovani della "Berretti" non si può far altro che vincere e alzare la testa, dopo la sconfitta di Siracusa che ha mandato l’Elefante a meno 12 dalla vetta occupata dalle vespe stabiesi, cosa che complica ulteriormente il percorso degli etnei, ai quali però è vietato mollare.