Catania-Viterbese: una (doppia) sconfitta che brucia ancora

L'ingenuità di Pisseri sulla punizione tutt'altro che irresistibile di Tsonev

L'ingenuità di Pisseri sulla punizione tutt'altro che irresistibile di Tsonev  Foto: Nino Russo

Il quadro completo delle sfide catanesi fra le due squadre. All'interno le immagini dell'ultimo precedente

L’andata dopo il ritorno
Catania, 3 Aprile 2019. A distanza di trentotto giorni dalla gara di Viterbo, finita con la vittoria dei laziali per 2-0 e il susseguente esonero di mister Sottil, Catania e Viterbese si ritrovano in quel del “Massimino” per la gara valida come recupero della nona giornata del girone di andata. I rossazzurri di mister Walter Novellino, arrivato alle falde dell’Etnea proprio dopo l’allontanamento del tecnico di Venaria Reale, sono reduci dalla figuraccia di Reggio Calabria. Una sconfitta pesante, senza attenuanti, da riscattare prontamente, così come il K.O. incassato al “Rocchi”. I buoni propositi però si perdono al cospetto di una Viterbese decimata da infortuni e squalifiche, figlie di un calendario fittissimo generato dalle scelleratezze estive del presidente Piero Camilli. Alla mezz’ora del primo tempo, infatti, è il bulgaro Tsonev a beffare Pisseri con una punizione tutt’altro che imprendibile. La reazione del Catania, confusa e senza costrutto, partorisce una rete (regolare) del Fran Brodic ingiustamente cancellata dal pessimo Paterna di Teramo (l’arbitro di Potenza di domenica scorsa…). Nel finale, incredibilmente, sono proprio gli ospiti di mister Calabro a sfiorare un raddoppio che non arriva per questione di centimetri. L’uno a zero finale, fra i fischi assordanti dei pochi intimi presenti nelle tribune dell’impianto di Piazza Spedini, sancisce la prima storica vittoria della Viterbese in terra catanese.

Totò Criniti esulta dopo la doppietta alla Viterbese, sullo sfondo si riconosce Karassavidis 



Tre successi catanesi
Il primo dei tre successi rossazzurri risale al campionato di Serie C2 edizione 1996/97: uno a zero firmato da Lorenzo Intrieri nella gara del 3 Novembre 1996, nonché ultima vittoria di mister Angelo Busetta sulla panchina del Catania prima dell’esonero giunto qualche settimana più tardi dopo la sconfitta di Frosinone. Il bis fa riferimento al match del 17 Ottobre 1999, in Serie C1: 2-0 per i ragazzi di mister Gianni Simonelli grazie alla doppietta di Ciccio Passiatore. Infine, il 2 a 1 del 13 Maggio 2001. Al "Cibali" i rossazzurri di Vincenzo Guerini, già certi della qualificazione ai play-off promozione, superarono i gialloblu laziali per 2-1. Decisiva la doppietta messa a segno da Totò Criniti, autore in quella gara anche di un errore dagli undici metri sullo zero a zero. Completano il quadro dei precedenti catanesi i due pareggi, entrambi per 0 a 0, conseguiti nelle stagione 1995/96 in Serie C2 e nel 2001/02 in Serie C1.

Di seguito il quadro completo delle gare disputate in terra catanese

1995/96: Catania-Viterbese 0-0 (Serie C2)
1996/97: Catania-Viterbese 1-0 (Serie C2)
1999/00: Catania-Viterbese 2-0 (Serie C1)
2000/01: Catania-Viterbese 2-1 (Serie C1)
2001/02: Catania-Viterbese 0-0 (Serie C1)
2018/19: Catania-Viterbese Castrense 0-1 (Serie C)

4 Novembre 2001: Massimo Cicconi, con la maglia numero 11, prova a perforare il muro della Viterbese 



BILANCIO
VITTORIE CATANIA: 3

PAREGGI: 2

VITTORIE VITERBESE: 1

GOL CATANIA: 5

GOL VITERBESE: 2

L'ultimo precedente