Catania-Rende, presentazione: Chiudere in bellezza

Bucolo e Semenzato in campo a Rende nella partita di andata. Troveranno spazio anche domenica?

Bucolo e Semenzato in campo a Rende nella partita di andata. Troveranno spazio anche domenica?  Foto: CalcioCatania.com

Al "Massimino" i rossazzurri proveranno a salutare la "regular season" con una vittoria, puntando al secondo posto

ULTIMA GIORNATA
Siamo arrivati alla fine del campionato di Serie C, almeno per quanto riguarda la stagione regolare, visto che dall’11 maggio, con i play-off, ne partirà un altro a 28 squadre che si concluderà con la finale del 16 giugno a Pescara. Il Lecce, con una giornata d’anticipo, ha vinto il Girone C, che domenica disputerà l’ultima giornata, la numero 38. Il Catania, terzo in classifica con 67 punti, a una sola lunghezza dal Trapani, ospiterà il Rende, settimo con 50 punti, gli stessi del Monopoli che si trova in sesta posizione; un punto più su c’è il Cosenza (quinto). Al "Massimino", così come su tutti gli altri campi, si giocherà alle 14.30, l’arbitro designato è Robilotta di Sala Consilina che avrà come assistenti Mansi e Parrella.

CATANIA: A CACCIA DELL’11ª VITTORIA CASALINGA
I rossazzurri sono reduci dalla sconfitta di Matera (2-1), la seconda consecutiva dopo quella interna contro il Trapani. Per la seconda volta in questa stagione l’elefante perde due gare di fila, la prima volta fu con modalità simili, a partire dal punteggio, sempre 2-1, per la Sicula Leonzio (al "Massimino") lo scorso 21 ottobre (con il Catania sotto di due reti che poi accorciava nel finale, come con i granata) e per la Reggina (al "Granillo") la settimana successiva (dopo lo svantaggio, gli etnei trovarono la rete del pareggio ma furono beffati nel recupero, come nell’ultimo turno con i lucani). Adesso sono 8 i k.o. in campionato per gli uomini di Lucarelli, 5 quelli fuori casa. In Basilicata è tornato al gol Andrea Russotto, alla sua quarta marcatura in questo torneo, che ha portato a 59 i gol segnati dalla sua squadra, che mantiene il miglior attacco del girone, 30 sono quelli subiti. Il numero 7 degli etnei non segnava dalla partita interna con il Bisceglie del 4 novembre 2017. Domenica con il Rende il Catania chiuderà il campionato in casa, dove ha totalizzato 10 vittorie (ai danni di Lecce, Andria, Monopoli, Bisceglie, Catanzaro, Akragas, Francavilla, Siracusa, Reggina e Paganese), 4 pareggi (con Fondi, Matera, Cosenza e Juve Stabia) e 3 sconfitte (da Leonzio, Casertana e Trapani); 29 gol fatti, 12 subiti (miglior difesa insieme al Monopoli). Non si vince tra le mura amiche dal 6-0 alla Paganese del 25 marzo scorso, dopo il quale sono arrivati il pareggio con la Juve Stabia e la sconfitta con il Trapani.

RENDE: 7 VITTORIE ESTERNE, OTTIMO BIGLIETTO DA VISITA
La compagine del tecnico Bruno Trocini è una delle più belle rivelazioni del Girone C della Serie C. Ritornata in terza serie dopo 33 anni ha raggiunto la qualificazione ai play-off, occupando attualmente la settima posizione e potendo ancora puntare alla quinta, che le permetterebbe di affrontare in casa la decima classificata. Ad oggi i biancorossi sfiderebbero la Casertana (8ª in classifica) al "Lorenzon". I calabresi hanno disputato un ottimo campionato, da "matricola terribile": su 35 gare, 14 sono state le vittorie, 8 i pareggi, 13 le sconfitte. I gol realizzati sono 30 (terzo peggior reparto offensivo del girone, dopo quelli di Akragas e Reggina), quelli subiti 29, uno in meno dei rossazzurri che per buona parte del torneo hanno avuto la retroguardia meno battuta. Ottimo anche il rendimento in trasferta: 7 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte. Successi ai danni di Akragas (2-3), Monopoli (0-1), Reggina (0-3), Siracusa (0-1), Catanzaro (0-1), Matera (0-1) e Cosenza (0-3). Pari con Fondi (1-1), Bisceglie (0-0), Casertana (0-0) e Virtus Francavilla (0-0). Il Rende fuori casa è stato battuto da Lecce, Sicula Leonzio e Juve Stabia per 1-0, dal Trapani 4-0, dall’Andria 3-1 e dalla Paganese per 3 reti a 0. I gol segnati sono 15, quelli subiti 16 (due in meno rispetto al Catania). La squadra della città d’oltre Campagnano, che ha vinto le ultime due gare esterne consecutive, contro Matera e Cosenza, viene dal pareggio interno (1-1) contro la Fidelis Andria, dove è andato a segno Domenico Franco, miglior realizzatore dei rennitani con 5 centri, così come Rossini; seguono Goretta e Gigliotti con 4.

LE PILLOLE DEL PRE-PARTITA
- All’andata: nella gara d’andata tra Rende e Catania, disputatasi allo stadio "Marco Lorenzon" lo scorso 17 dicembre, i rossazzurri si imposero con un netto 3-0, che portò le firme di Curiale e Ripa, quest’ultimo autore di una doppietta (un gol su calcio di rigore).
- Capitolo play-off: gli etnei possono ancora ambire al secondo posto, per raggiungerlo domenica bisognerà battere i biancorossi, chiudendo in bellezza la regular season, e sperare che il Trapani non faccia lo stesso a Cosenza, dove i rossoblù padroni di casa cercheranno di difendere il quinto posto (contesogli anche dallo stesso Rende). Nel caso in cui l’elefante dovesse terminare la stagione a pari punti con i "cugini" granata, sarà la squadra di Calori ad aggiudicarsi la seconda posizione in virtù della doppia vittoria negli scontri diretti. Chi arriverà secondo comincerà i play-off dal secondo turno della "fase play-off nazionale" (in pratica dai quarti di finale), che avrà inizio il 30 maggio, giocando la gara di ritorno in casa (prevista per il 3 giugno). La terza classificata invece giocherà il 20 maggio, in occasione del primo turno della "fase play-off nazionale", e anch’essa giocherà tra le mura amiche la sfida di ritorno (il 23 maggio).