Catania-Paganese 2-1: Biagianti e Lodi firmano la rimonta, etnei terzi

Marco Biagianti, gol con dedica al figlio Mattia, che proprio oggi compie gli anni.

Marco Biagianti, gol con dedica al figlio Mattia, che proprio oggi compie gli anni.  Foto: Nino Russo

Il racconto della partita fra etnei e campani, in campo alle ore 14.30

CALCIO D’INIZIO ALLE 14.30
Reduce dalla bruciante sconfitta di Trapani, che ha portato a 4 il distacco dal secondo posto, il Catania ritorna nuovamente in campo. Al “Massimino”, nella gara valida per l’ottava giornata del girone di ritorno, i rossazzurri di Sottil incrociano una Paganese (quattro sconfitte nelle ultime quattro) ultima della classifica del Girone C di Serie C dopo l’esclusione dal campionato del Matera. Calcio d’inizio alle ore 14.30.

DIREZIONE ARBITRALE
Direzione di gara affidata al signor Davide Curti della sezione A.I.A. di Milano. Il fischietto lombardo sarà coadiuvato dagli assistenti Cosimo Cataldo (sezione di Bergamo) e Marco Ceccon (sezione di Lovere). Curti ha già arbitrato il Catania in occasione della sconfitta esterna con la Virtus Francavilla (decisa da un gol di Nzola nel finale), nel corso della stagione 2016/17.


FORMAZIONI UFFICIALI
CATANIA (4-3-3): Pisseri; Calapai (dall'86' Esposito), Aya, Silvestri, Baraye; Biagianti Lodi, Angiulli (dal 70' Carriero); Manneh, Curiale (dal 70' Brodic), Marotta (dal 57' Di Piazza). A disp.: Pulidori, Marchese, Esposito, Valeau, Bucolo, Carriero, Rizzo, Brodic, Lovric, Liguori, Di Piazza. All: Sottil

PAGANESE (3-5-2): Santopadre; Piana (dall80' Tazza), Della Fiore, Acampora; Carotenuto (dal 91' Nacci), Capece, Navas (dall'80' Della Morte), Gaeta, Perri; Di Renzo (dal 75' Cappiello), Parigi. A disp.: Galli, Tazza, Gargiulo, Della Corte, Nacci, Sapone, Gori, Della Morte, Cappiello. All: De Sanzo

ARBITRO: Davide Curti di Milano

ASSISTENTI: Cosimo Cataldo di Bergamo e Marco Ceccon di Lovere

RETI: Capece al 6', Biagianti all'8', Lodi al 58'

AMMONITI: Capece, Manneh, Brodic

ESPULSI: -

RECUPERO: p.t. 1'; s.t. 4'

SPETTATORI: 7083

INDISPONIBILI: Ciancio, Llama, Di Grazia e Sarno; Fornito, Punzi, Stendardo, Scarpa, Alberti, Cesaretti, Diop e Schiavino.

SQUALIFICATI: -

DIFFIDATI: Curiale

CRONACA
Giornata primaverile allo stadio “Angelo Massimino” con sole intenso e cielo azzurro. In casa etnea mister Sottil privo di Ciancio, Llama, Di Grazia e Sarno, accantona il 4-3-1-2 visto nelle ultime gare ritornando al 4-3-3 con l’inserimento di Angiulli in mediana, Manneh e Curiale in avanti. Tantissime defezioni tra le fila campane: Fornito, Punzi, Stendardo, Scarpa, Alberti, Cesaretti, Diop e Schiavino. Azzurrostellati schierati da mister De Sanzo col 3-5-2 con Parigi e Di Renzo in avanti. Catania in campo con la tradizionale maglia a strisce verticali rosse azzurre con pantaloncini azzurri e calzettoni neri; risponde la Paganese in completa tenuta gialla con risvolti azzurri.


PRIMO TEMPO
Primo squillo di marca catanese con Marotta: destro di prima intenzione del numero nove, dopo un veloce scambio con Curiale, parato in due tempi da Santopadre. Al sesto cambia il risultato al “Massimino”. Paganese in vantaggio grazie ad un calcio di punizione perfettamente battuto da Capace in prossimità del vertice alto dell’aera rossazzurra: destro a giro imprendibile per Pisseri. Risposta etnea un minuto più tardi con Curiale che da due passi si fa ribattere la conclusione da Santopadre. E’ il prologo al gol del pareggio catanese che arriva con capitan Biagianti, all’8’, con un sinistro radente da fuori area. Per il numero 27 rossazzurro si tratta del terzo gol consecutivo segnato alla Paganese nelle ultime tre gare casalinghe coi campani. Un minuto dopo clamorosa occasione per il sorpasso fallita da Marotta che da due passi cicca un pallone splendidamente servitogli da Manneh. Sul capovolgimento di fronte ci prova la Paganese con una conclusione da centrocampo di Di Renzo che si perde di poco fuori alla sinistra di Pisseri. Partita molto veloce e divertente con azioni pericolose da una parte e dall’altra. Al diciassettesimo altra occasione per il Catania. Calcio di punizione dai trentacinque metri battuto a sorpresa da Lodi per il pronto inserimento di Manneh, diagonale di destro del gambiano ribattuto a mani aperte da Santopadre. Al ventesimo travolgente discesa di Baraye sulla destra che prima semina un paio di avversari e poi mette in mezzo una parte velenosa sulla quale Curiale non riesce ad intervenire per un soffio. Al trentunesimo primo cartellino giallo dell’incontro. Sanzione disciplinare a carico del campano Capece per un fallo tattico su Manneh. Al 33’ sinistro dalla distanza di Angiulli che impegna severamente Santopadre. Sulla respinta del numero 22 campano Manneh rimette la palla in mezzo sulla quale Curiale non riesce ancora ad intervenire. Catania che attacca con insistenza in cerca della rete del vantaggio. Al 38’ doppia conclusione dalla distanza di Lodi prima e di Biagianti poi ‘murate’ dalla retroguardia campana. Minuto 42, altra occasione per il Catania: calcio d'angolo di Lodi, colpo di testa di Silvestri parato agevolmente dal portiere campano. Al 43’ ci prova la Paganese con una conclusione di Di Renzo parata con sicurezza da Pisseri. Al 43’ ci prova la Paganese con una conclusione di Di Renzo parata con sicurezza da Pisseri. Al 45 azione pericolosa del Catania: cross pennellato di Calapai, sponda aerea di Marotta per l’accorrente Angiulli, sforbiciata del numero 6 rossazzurro che diventa un passaggio per Manneh che di testa spedisce di poco a lato. Dopo un minuto di recupero l’arbitro Curti di Milano manda le due squadre negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

SECONDO TEMPO
Squadre in campo per i secondi quarantacinque minuti di gioco con gli stessi effettivi che hanno iniziato il match. Al secondo Catania vicinissimo al gol del vantaggio con Calapai: discesa inarrestabile del numero 26 rossazzurro conclusa con un sinistro in corsa scagliato nei pressi dell’ingresso dell’area campana, pallone alto di un paio di metri sopra la porta di Santopadre. Risposta degli azzurrostellati al 4’: corner teso di Capece, stacco aereo di Acampora, pallone fuori di poco. Al decimo veloce scambio fra Curiale e Marotta, passaggio filtrante del numero 9 per Manneh che prova a dribblare Santopadre con quest’ultimo che tocca il pallone con lo scarpino stroncando l’azione del gambiano. All’undicesimo primo cambio nel Catania: fuori Marotta, dentro Di Piazza. Un minuto dopo Catania in vantaggio con Lodi: scambio veloce fra Calapai e Manneh sulla corsia destra, palla indietro per il sinistro di prima intenzione del numero 10 rossazzurro che insacca sul palo destro della porta di Santopadre. Per Lodi si tratta della rete numero 40 con la maglia del Catania, in virtù della quale aggancia Claudio Ciceri nella classifica dei marcatori etnei dal 1946. Fra il 14’ e il 16’ etnei vicini alla terza rete in più di un’occasione sempre con Curiale: nella prima circostanza il numero 11 è anticipato all’ultimo istante da un difensore campano sul preciso cross di Angiulli; nella seconda azione il destro l’ex attaccante del Trapani, scagliato dal limite dell’area piccola dopo una splendida progressione di Manneh, è respinto in corner da Santopadre. Due minuti più tardi ammonito Manneh per un fallo sulla trequarti campana. Al ventiseiesimo doppio cambio nel Catania: fuori Angiulli e Curiale, dentro Carriero e Brodic. Al 28’ conclusione del campano di Di Renzo, scaturita da un rimpallo fortuito, parata con sicurezza da Pisseri. Alla mezzora cambio nella Paganese: fuori Di Renzo, dentro Cappiello. Al 33' azione imbastita da Di Piazza per Lodi, passaggio filtrante del numero 10 per l'inserimento di Carriero anticipato in uscita bassa da Santopadre. A dieci minuti dalla fine doppio cambio per gli ospiti: fuori Piana e Navas, dentro Tazza e Della Morte. Un minuto dopo Paganese pericolosa con un colpo di testa di Parigi che termina di poco fuori alla sinistra della porta di Pisseri. A otto minuti dal terimine scambio veloce fra Calapai e Manneh sulla destra, tiro-cross del gambiano da posizione defilata respinto da Santopadre. Al 41’, nel Catania, fuori Calapai dentro Esposito. Un minuto dopo fallo tattico di Brodic, giallo per il croato. Al 44’ Catania vicinissimo al gol con Di Piazza: splendida imbeccata millimetrica di Lodi, con un lancio da quaranta metri, per l’attaccante di Partinico che a tu per tu con Santopadre prova il pallonetto liftato trovando la pronta deviazione del portiere campano. Decretati tre minuti di recupero. Nel primo minuto di recupero fuori Carotenuto, dentro Nacci. Al 92’ ci prova Di Piazza, il destro del numero 32 è deviato in corner dalla difesa campana. Dagli sviluppi del tiro dalla bandierina, battuto da Lodi, altra deviazione in corner sulla quale arriva anche il triplice fischio dell’arbitro Curti. Catania batte Paganese 2-1, etnei salgono al terzo posto a quota 50.