Catania-Monopoli 2-0: le pagelle rossazzurre

Il gol del 2-0 di Federico Angiulli

Il gol del 2-0 di Federico Angiulli  Foto: Nino Russo

Le valutazioni riportate dai rossazzurri al termine della gara coi pugliesi

PISSERI voto 8: Di fronte alla sua ex squadra il buon Matteo vive una delle migliori giornate da quando difende la porta rossazzurra. Almeno 4 le parate determinanti compiute dall’estremo difensore parmense – su Gerardi (al 24’ e al 42’), sulla deviazione di Esposito al (71’) e su Rota (al 94’) – che chiudono la saracinesca al Monopoli e che portano la propria imbattibilità a 514 minuti. Bisceglie è ormai un ricordo.

CALAPAI voto 6,5: Al primo minuto di gioco mette sulla testa di Curiale un pallone che meriterebbe maggior fortuna. Sul suo lato imperversa l’ottimo Donnarumma ma il numero 26 rossazzurro riesce a contenerlo senza grossi affanni. Sta bene e si vede.
dall’84’ LOVRIC s.v.: Pochi minuti in campo per un giudizio.

AYA voto 6,5: Se la difesa etnea non prende gol ‘veri’ (ultimo dei quali, in tal senso, è quello di Giannone al minuto 75’ della gara col Catanzaro dell’11 novembre scorso) gran merito è anche del roccioso difensore italo-tunisino, marcatore difficile da superare per molti attaccanti. Chiude la sua gara, dopo l’uscita di Calapai, sulla fascia destra.

ESPOSITO voto 6,5: Pericoloso al sesto del primo tempo, con un colpo di testa che mette in difficoltà la retroguardia pugliese, coordina con sicurezza la difesa, senza far rimpiangere Silvestri. Al 71’ rischia il clamoroso autogol, ma il riflesso di Pisseri si rivela provvidenziale.

CIANCIO voto 6: Dalla sua zona di campo il pericolo si chiama Fabris, elemento del Monopoli in ascesa. Spinge poco, ma quando lo fa, al 20’ del primo tempo, mette Marotta davanti a Pissardo. Partita di contenimento con pochi errori.

BIAGIANTI voto 7: Partita di grande sacrificio quella condotta dal capitano rossazzurro. Un guerriero, in mezzo al campo, a rincorrere pallone ed avversari, soprattutto nella seconda parte di partita. Nonostante i 34 anni (saranno 35 in Aprile) dimostra di esser ancora molto utile alla causa etnea. Utilissimo. Esce fra gli applausi.
dall’83’BUCOLO s.v.: Pochi minuti in campo per un giudizio.

LODI voto 6,5: Nonostante il pressing portato dai mediani del Monopoli sia meno asfissiante rispetto ad altre circostanze il numero 10 campano fatica ad entrare nel vivo del gioco. Quando però gli capita la palla buona, al minuto 60, Ciccio Lodi esce dal cilindro un gol dei suoi che vale da solo l’intero prezzo del biglietto: sesta rete in campionato, ottava in stagione e numero trentotto in maglia rossazzurra. Suo il lancio a Manneh nell’azione che porta al 2-0. Va a corrente alternata, ma quando si accende è micidiale.

G. RIZZO voto 6: Partita senza infamia e senza lode quella del mediano messinese, vissuta, come sempre, a spezzare il gioco degli avversari. Rispetto a qualche altra gara commette qualche errore di troppo. Al 34’ del primo tempo spende bene il giallo in ‘dotazione’ evitando un potenziale pericolo.
dal 76’ANGIULLI voto: 7 Nei venti minuti passati in campo (recupero compreso) il buon Federico dà il meglio di sé: al primo pallone toccato, al 78’, sfiora il gol con una violente conclusione mancina che si perde di poco alla sinistra di Pissardo. Otto minuti più tardi chiude la partita con un sinistro in diagonale precisissimo che gli vale il primo (meritato) gol in rossazzurro.

MANNEH voto 6,5: Partita dai due volti per l’esterno gambiano. Non bene nel primo tempo, con qualche errore (vedi al 42’quando perde un pallone a metà campo, avviando un pericolosissimo contropiede non perfezionato adeguatamente da Gerardi) e poca spinta sulla fascia. Molto meglio nella ripresa, nella quale viene cercato dai compagni in modo maggiore rispetto ai primi 45 minuti. Suo, all’86’, l’assist vincente per Angiulli in occasione del 2-0.

CURIALE voto 5: Dopo pochi secondi ha la possibilità di sbloccare il risultato, e di festeggiare al meglio il suo trentunesimo compleanno, ma sbaglia davanti a Pissardo un colpo di testa comodo. In alcuni tratti del primo tempo duetta bene con Marotta ma non ha occasione per impensierire il Monopoli. Al momento della sostituzione lascia il campo visibilmente contrariato. Ci sta.
dal 68’VASSALLO voto 5: Nei minuti trascorsi in campo non riesce ad incidere. Nessuno spunto interessante da segnalare.

MAROTTA voto 6,5: Per buona parte della gara è lui fra i tre attaccanti quello più mobile. Nonostante il duello rusticano con Ferrara, sul quale l’arbitro spesso lascia correre, potrebbe segnare in due occasioni, al 38’ e al 40’ del primo tempo, ma Pissardo risponde da campione, soprattutto nella seconda conclusione. Prestazione generosa, come sempre, con molta dispersione di energie. Prezioso.

SOTTIL voto 6,5: Privo di Baraye, Barisic e Silvestri il tecnico di Venaria Reale conferma 10/11 della formazione opposta giovedì scorso a Rieti, con il solo inserimento ‘forzato’ di Esposito in difesa. In alcune fasi del primo tempo il gioco del suo Catania è assai gradevole, con tocchi di prima che fanno viaggiare il pallone in velocità. La svolta, ancora una volta, arriva nella ripresa con le reti numero 18 e 19 segnate dai rossazzurri nei secondi quarantacinque minuti di gioco. Gestisce con sapienza i cambi in dotazione. Terza partita col 4-3-3, terza vittoria e Trapani agganciato al secondo posto. Appare evidente che questo sia il modulo giusto da utilizzare nella rincorsa alla Juve Stabia.

MONOPOLI voto 6,5: La serie utile dei monopolitani si ferma a quota 11, al “Massimino”, al termine di una gara ben giocata nella quale spiccano i ‘no’ ricevuti dall’ex Pisseri e qualche errore di troppo davanti la porta. Squadra che gioca a memoria, con due esterni niente male, frutto delle tante conferme della squadra della scorsa stagione, in primis mister Beppe Scienza. Un avversario tostissimo, per tutti.

ARBITRO GAROFALO 6: Direzione di gara sufficiente quella condotta dal fischietto di Torre del Greco. Pochi gli episodi dubbi da segnalare.