Catania-Juve Stabia, presentazione: Padroni del nostro destino, - 5 all’alBa

Il gruppo rossazzurro

Il gruppo rossazzurro "a raccolta" alla fine del match di andata con la Juve Stabia  Foto: CalcioCatania.com

Lunedì 9 aprile alle 20.45, allo stadio "Angelo Massimino", la prima di cinque finali per la conquista della B

IN CAMPO DI LUNEDÌ; CALCIO D’INIZIO ALLE 20.45
Il Catania chiuderà il quadro della 34ª giornata del Girone C del Campionato di Serie C lunedì 9 aprile, quando allo stadio "Angelo Massimino" riceverà la Juve Stabia. L’incontro, che sarà trasmesso da RaiSport (canale 57 del digitale terrestre, 227 su Sky), avrà inizio alle 20.45 e sarà arbitrato da Zanonato di Vicenza, il quale sarà supportato dagli assistenti Michieli e Sartori. I rossazzurri in classifica sono terzi a quota 63 punti, a pari merito del Trapani che è stato sconfitto dal Francavilla e a meno 5 dal Lecce vittorioso a Reggio Calabria; le vespe sono al sesto posto a quota 46. Nella gara d’andata al "Menti" vinsero gli etnei, grazie a un gol di Andrea Mazzarani al 93’ direttamente da calcio di punizione.

CATANIA: 5 VITTORIE PER LA B
Con 5 partite da disputare la formazione rossazzurra è padrona del proprio destino. Vincendole tutte, infatti, raggiungerebbe la promozione diretta nel campionato cadetto senza dover sperare in passi falsi delle altre due concorrenti. Lo scenario che si prospetta oggi era impensabile fino a circa quindici giorni fa, dopo il pareggio beccato al 91’ a Bisceglie, quando il primo posto era lontano 7 punti. Gran merito di potersi giocare questa possibilità va data a Lucarelli, alla società e ai calciatori in organico, che hanno sempre creduto nelle proprie potenzialità e in quella delle altre componenti, oltre che al primo posto. Ottenere 5 successi non sarà per nulla semplice, considerando anche gli avversari, sulla carta le gare più difficili saranno con Juve Stabia e Trapani in casa e con il Matera in trasferta; nel prossimo turno si giocherà in trasferta con l’Akragas, il 6 maggio si chiuderà in casa con il Rende. Inoltre, gli etnei vengono da due vittorie consecutive, nell’ipotesi di altrettanti successi nelle rimanenti partite si arriverebbe a 7 vittorie consecutive, cosa mai avvenuta quest’anno: il Catania si fermò a 6 vittorie di fila in occasione della sconfitta interna con la Leonzio, prima erano stati battuti Lecce, Francavilla, Andria, Cosenza, Monopoli e Siracusa. Con i 4 gol di sabato scorso a Catanzaro, l’elefante è salito a 13 gol fatti nelle ultime 4 partite. A segno sono andati Barisic, quinto gol in rossazzurro (quarto nelle ultime 3 partite), Curiale, capocannoniere con 14 reti, Ripa, al sesto sigillo in campionato (tutti realizzati in trasferta) e Porcino, prima rete con gli etnei. La squadra di Lucarelli vanta il miglior attacco del girone con 54 gol fatti e la miglior difesa, in compagnia del Trapani, con 25 reti subite, oltre al maggior numero di vittorie, 19. Al "Massimino" sono 33 i punti conquistati: 10 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte.

JUVE STABIA: SECONDA SQUADRA MENO BATTUTA IN TRASFERTA
La compagine di mister Fabio Caserta, che divide il compito alla guida tecnica con Ciro Ferrara, è in piena zona play-off, con l’obiettivo di piazzarsi a ridosso della terza posizione. In 30 giornate ha ottenuto 12 vittorie, 10 sono i pareggi, 8 le sconfitte. Le reti segnate sono 44, quarto miglior reparto offensivo dopo quelli di Catania (54), Trapani (53) e Lecce (49 con due partite in più), quelle subite 30. Al "Massimino" sarà la 15ª trasferta per le vespe, fin qui lontano dal "Menti" hanno vinto 5 volte, pareggiato 6 e subito appena 3 sconfitte, una in più del Lecce e una in meno dei rossazzurri. I successi sono arrivati ai danni di Paganese (2-1), Akragas (2-1), Monopoli (2-0), Fondi (2-1) e Lecce (1-0, ultima vittoria esterna firmata Mastalli). Segno X nelle sfide con Andria (3-3), Catanzaro (0-0), Leonzio (0-0), Matera (1-1), Siracusa (0-0) e Rende (1-1). I k.o. sono arrivati a Bisceglie (1-0), Cosenza (1-0) e Trapani (3-1). I gialloblù, fuori casa, hanno anche la seconda miglior retroguardia del girone in compagnia del Lecce, con 13 gol subiti. I campani devono completare una partita lontano dalle mura amiche con la Virtus Francavilla, sospesa per pioggia sul punteggio di 0-0 lo scorso 25 marzo. La Juve Stabia è reduce dalla sconfitta interna con il Cosenza (1-2) e ha vinto 4 delle ultime 6 partite (nelle altre due sono arrivati un pareggio e una sconfitta). Per gli stabiesi il miglior marcatore è Simeri con 10 segnature, 7 centri per Canotto e Paponi, 5 per Mastalli.

LA SPINTA DEL 12°
Sopra si è fatto cenno ai meriti di squadra e società per quanto fatto fin qui e per l’opportunità di essere padroni del proprio destino, ma non si può non menzionare il tifo catanese, che da sempre si è contraddistinto per l’amore e la passione che mai ha fatto mancare ai propri colori, facendo spesso la differenza. Lunedì contro le vespe il 12° uomo in campo spingerà i propri beniamini verso la conquista della prima delle cinque finali. Dai Catania!