Catania-Bari 1-2: gli etnei tengono testa, prima della beffa finale firmata Simeri

L'esultanza di Simeri dopo il gol vittoria del Bari

L'esultanza di Simeri dopo il gol vittoria del Bari  Foto: CalcioCatania.com

Terranova e Moro di testa su azione d'angolo indirizzano il match verso il pareggio, compromesso da un pasticcio di Monteagudo.

TABELLINO
CATANIA-BARI 1-2
RETI: 52° Terranova, 71° Moro, 94° Simeri.

CATANIA (4-3-3): Stancampiano; Calapai, Ercolani, Monteagudo, Pinto (81° Ropolo); Rosaia (57° Piccolo), Maldonado, Provenzano (73° Greco); Ceccarelli (73° Russini), Sipos (57° Moro), Russotto.
A disp.: Sala, Albertini, Zanchi, Pino, Cataldi, Biondi, Izco.
All: Baldini.

BARI (4-3-1-2): Frattali; Belli (84° Pucino), Di Cesare, Terranova, Ricci; Bianco (11° Scavone), Maita, Mallamo; Botta (84° Paponi); Cheddira (84° Simeri), Antenucci (70° Marras).
A disp.: Polverino, Gigliotti, Celiento, Mazzotta, Lollo, Di Gennaro, D'Errico.
All: Mignani.

ARBITRO: Perenzoni di Rovereto; ASSISTENTI: Salvalaglio di Legnano e Vitali di Brescia; IV UFFICIALE: Acanfora di Castellammare di Stabia.

AMMONITI: Calapai, Pinto, Monteagudo, Russotto (Catania); Scavone, Ricci, Botta, Maita, Di Cesare (Bari).

ESPULSI: -

RECUPERO: 4'; 5'.

PRIMO TEMPO
In avvio di partita iniziativa del Catania sulla destra con Calapai che guadagna un calcio d'angolo. Al minuto numero 4 gioco interrotto per un problema fisico accusato da Bianco. Al 10° nuova interruzione, sempre per Bianco, che non ce la fa ed abbandona il terreno di gioco, lasciando il posto a Scavone. Al 12° bell'azione del Bari che dopo una serie di combinazioni smarca in area Cheddira, il quale, da posizione defilata sulla destra, prova un tiro-cross che si spegne sul fondo. Un minuto dopo gran lancio di Maldonado sulla destra per Ceccarelli, che controlla, si accentra e prova il tiro da fuori, conclusione totalmente sballata. Il primo quarto d'ora si chiude senza particolari emozioni e, soprattutto, senza vere occasioni da gol, con le squadre che si studiano.
Al 17° Ceccarelli, nel tentativo di rubare palla ad un avversario, intercetta il pallone col braccio secondo il direttore di gara: punizione per il Bari da posizione avanzata sulla sinistra. Al 19° Cheddira lanciato in campo aperto entra in area e lascia partire una conclusione mancina che Stancampiano devia con qualche titubanza, poi Monteagudo spazza in corner. Seguono minuti di noia, interrotti al 26° da cooling break chiamato dalle panchine. Al 29° incursione centrale di Botta che giunge al limite dell'area e calcia, palla deviata da un difensore e controllata da Stancampiano. Un minuto dopo Russotto parte in serpentina e guadagna una punizione dal limite. Batte Maldonado che trova la barriera, sul rimpallo ci prova Ceccarelli col mancino, palla che sorvola di pochissimo la traversa.
Match condizionato dal caldo, che si trascina stancamente senza grossi sussulti. Al 40° punizione battuta dal Bari, palla che arriva ad Antenucci che viene contrastato da Pinto, l'attaccante barese cade e reclama il rigore, per Perenzoni è tutto regolare e si scatenano le proteste dei giocatori ospiti. Parte una parapiglia generale durante il quale Pinto viene colpito e cade a terra, ma il direttore di gara sanziona in un primo momento soltanto Calapai con un giallo per proteste. Poi, appena si calmano le acque, vengono ammoniti sia Scavone che Pinto. Al 45° ingenuità di Monteagudo che si avventura in un dribbling a metà campo, perde palla e ricorre al fallo per evitare la ripartenza avversaria, rimediando un giallo. Intanto Perenzoni decreta 4' di recupero, durante i quali non accade nulla. Prima frazione di gioco caratterizzata da noia, interruzioni e, nel finale, anche da parecchio nervosismo.

SECONDO TEMPO
La ripresa inizia con gli stessi effettivi che hanno concluso il primo tempo. Al 48°, dopo la conquista di un corner da parte del Bari, gioco interrotto per un colpo subito da Ceccarelli. Al 50° blitz di Di Cesare su azione d'angolo, la deviazione del capitano barese sorvola abbondantemente la traversa. Due minuti dopo calcio piazzato del Bari, schema che libera Terranova tutto solo in area, gran girata del difensore, gran risposta di Stancampiano che manda in angolo. Sul susseguente corner, però, il Bari passa. Palla tagliata sul primo palo, ancora Terranova appostato perfettamente devia di testa e manda il pallone sul secondo palo per il vantaggio barese. Pochi minuti dopo pasticcio sulla trequarti di Monteagudo che non controlla un retropassaggio e, come se non bastasse, appoggia troppo lentamente a Stancampiano che è costretto ad uscire su Antenucci e toccare la palla con le mani per evitare l'intervento dell'attaccante ospite, Perenzoni decreta una punizione in area per il Bari. La barriera etnea devia, poi Baldini opera i primi cambi: Piccolo e Moro per Rosaia e Sipos, con la squadra che passa al 4-2-3-1. Al 60° Ceccarelli, spostatosi a sinistra, guadagna un corner, lo batte, ci prova di testa Monteagudo, palla alta.
Al 64° contropiede pericoloso del Bari, la palla da Antenucci arriva a Botta che dal limite ci prova col mancino, palla di poco a lato. Un minuto dopo Piccolo, sulla destra, punta Ricci che commette fallo e finisce sul taccuino dei cattivi. La punizione viene battuta Ceccarelli, deviazione aerea di Moro, palla fuori. Passano pochi secondi e Pinto rimedia ad un pasticcio che aveva combinato in area recuperando il pallone con una rischiosa scivolata, dopo averlo perso. Al 67° ci prova Antenucci con un tiro a giro dal limite, anche lui non inquadra la porta. Il Catania aumenta l'intensità del proprio gioco e si avvicina con insistenza all'area pugliese. Al 70° Mignani inserisce Marras per Antenucci. Al 71° il Catania pareggia! Corner conquistato ancora una volta da Ceccarelli, che batte e trova la deviazione aerea di Moro, che manda il pallone sul secondo palo, trovando la deviazione sul legno e il gol. Subito dopo viene chiamato il cooling break. Al 73°, prima che il gioco riprenda, Baldini inserisce Greco per Provenzano e Russini per Ceccarelli. Al 75° ammonito Botta, per un intervento precedente, al termine di una grande progressione di Calapai sulla destra, arrestata da Ricci. Il capitano subisce un colpo alla spalla per la caduta e il gioco viene interrotto per prestargli le cure del caso.
Al 78° ammonito Russotto il quale, per frustrazione, aveva calciato via il pallone dopo aver commesso un fallo. Il Catania accelera con Russini, servito da Pinto, che si inserisce in area e guadagna un corner. Batte Piccolo, ci prova Monteagudo, palla alta. Ultimo cambio per il Catania: Ropolo rimpiazza uno stanco Pinto. All'82° contropiede del Catania condotto da Russini, che allarga sulla destra per Russotto, il quale a sua volta prova a servire sul secondo palo Moro ma il guardalinee ravvisa un offside. Un minuto dopo tre cambi per Mignani: Simeri, Paponi e Pucino per Cheddira, Botta e Belli. Subito dopo Moro costringe al fallo da ammonizione Maita a centrocampo. All'86° altro fallo di Ricci su Piccolo, graziato dal direttore di gara che concede soltanto la punizione. Al 90° intervento duro di Di Cesare su Russotto, giallo per lui. Perenzoni assegna 5' di recupero. In extremis il Bari trova il colpo da tre punti. Monteagudo sbaglia il rinvio in area servendo in tal modo un assist involontario a Marras, il quale dalla destra crossa in mezzo, dove trova Simeri, autore di un'impeccabile girata di testa, sulla quale Stancampiano non può nulla. Non succede altro ed il Catania, nonostante un buon secondo tempo, torna a casa a bocca asciutta e con tanti rimpianti.