Berretti, Fidelis Andria-Catania 0-2: semifinale scudetto a un passo!

Samuele Maccioni autore del gol dell'1-0

Samuele Maccioni autore del gol dell'1-0  Fonte: Nino Russo

Vittoria netta dei rossazzurri al 'Degli Ulivi' di Andria. Venerdì 2 giugno match di ritorno a Torre del Grifo

Una netta dimostrazione di forza e di superiorità. Nella gara di andata dei quarti di finali della poule scudetto del campionato “Dante Berretti” 2017 il Catania ha vinto e convinto in casa della Fidelis Andria. Allo stadio “Degli Ulivi” i rossazzurri di mister Giovanni Pulvirenti, ritornato in sella dopo il periodo vissuto alla guida della prima squadra, hanno superato i pari grado con un netto 2-0 firmato dalle reti di Samuele Maccioni e Mario Noce. Fondamentale, nell’economia del risultato, il calcio di rigore parato dal portiere etneo Luigi Spataro sullo 0-0. Nel lunghissimo recupero, sette i minuti concessi dall'arbitro De Santis di Lecce, espulsi due "federiciani", il difensore Spinelli e il portiere Lullo, che salteranno senza dubbio la gara di ritorno prevista per venerdì 2 giugno, al Torre del Grifo Village.

Espugnato dunque lo stadio "Degli Ulivi", campo in erba naturale, rinnovando la tradizione favorevole già avviata la scorsa stagione in occasione del confronto contro il Tuttocuoio al Leporaia di Ponte a Ebola; un gol per tempo permette ai rossazzurri di centrare il sesto successo consecutivo, se teniamo conto delle ultime tre giornate della regular season e le due gare del mini girone di qualificazione.  Un risultato ampiamente meritato, con il Catania sempre a manovrare per cercare qualità e quantità e i pugliesi che si affidano ai rilanci; eppure gli avversari "pescano" già al 6' il jolly del rigore, ma Bottalico trova uno Spataro super che con un gran balzo sulla propria destra devia in corner. Dalla difesa dello 0-0 al vantaggio, poco dopo la mezz'ora, quando Biondi impegna con un tiro a mezzo giro Lullo, e Maccioni guadagna il pallone realizzando un bel gol, il quarto stagionale. Nella ripresa poi Noce firma il raddoppio inserendosi efficacemente sullo schema ordinato da Davide Di Stefano su punizione dal vertice sinistro dell'area dei pugliesi.

Come nella seconda gara di qualificazione, l'avanzamento in mediana di Manneh, con la sostituzione Biondi-Pantò, è subito foriera della seconda rete, rientrando in un preordinato piano tecnico-tattico di mister Pulvirenti. Insolita in questa fase del torneo, da parte dell'Andria, la scelta di un portiere fuoriquota come Lullo, quando è orientamento comune spingere verso il ringiovanimento della rosa. Queste le dichiarazioni di mister Pulvirenti, tratte dal sito ufficiale: "I ragazzi hanno fatto tutto ciò che era stato chiesto in settimana, mostrando compattezza, coesione, concretezza e capacità di fraseggio al momento giusto: meritano un elogio. Forse ci siamo abbassati un po' troppo nel finale, è stata una partita molto combattuta e probabilmente poteva starci ma è una traccia importante in vista della gara di ritorno. Tensione e concentrazione devono rimanere al massimo, perché la Fidelis Andria è una squadra molto forte: nelle due partite del girone di qualificazione ha realizzato ben otto gol, conta come noi sull'apporto di un buon numero di elementi che hanno già esordito in Lega Pro, ha qualità tecniche e sta bene fisicamente".   

FIDELIS ANDRIA-CATANIA 0-2
FIDELIS ANDRIA: Lullo; Spinelli, Paradiso (35' st Caponero), Imbriola, Paolillo, Guadagno, Maffei, Cfarku (28' st Piarulli), Di Cosmo, Lobascio (8' st Mongiello), Bottalico. A disposizione: Ferrugine; Addario, Festa, D'Addato, Camporeale, Mastrippolito, Antonicelli, Correnti, Borracino. Allenatore: Bellini.
CATANIA: Spataro; Longo, Manneh, Ferraù, Noce, Bonaccorsi, Maccioni, Di Stefano (30' st Condorelli), Napolitano, Rizzo (26' st Papaserio), Biondi (4' st Pantò). A disposizione: Buemi; Giuffrida, Pannitteri, Calì. Allenatore: Pulvirenti.
RETI: 34' pt Maccioni; 5' st Noce.
ARBITRO: De Santis di Lecce.
ASSISTENTI: Abagnara di Nocera Inferiore e Della Vecchia di Avellino.
AMMONITI: Lullo e Paolillo (F) 
ESPULSI: Spinelli al 49' st e Lullo al 51' st. 
RECUPERO: 0' pt e 7' st.